Serie TV

Nero a metà: le anticipazioni dell'ultima puntata

Sesto episodio della serie tv di Rai 1 con Claudio Amendola, in onda lunedì 17 dicembre. Ottimi ascolti per Nero a metà con una media del 23% di share

Nero a metà

Francesco Canino

-

Si apre con un clamoroso colpo di scena, l'arresto dell’ispettore Carlo Guerrieri, vera colonna del commissariato Rione Monti, l'ultima puntata di Nero a metà. La serie di Rai 1 con Claudio Amendola, Miguel Gobbo Diaz e Angela Finocchiaro chiude con ascolti ottimi e una media di share superiore al 23% e in molti già si domandano se ci sarà una seconda stagione. Ecco cos'accadrà nel sesto episodio, in onda lunedì 17 dicembre. 

Nero a metà, le anticipazioni dell'ultima puntata

Il gran finale, per molti versi inatteso, comincia con l'arresto di Carlo Guerrieri (Claudio Amendola). Sua figlia Alba (Rosa Diletta Rossi) è sconvolta così come il resto della squadra del Rione Monti. Si cerca di capire chi sia stato ad incastrare il Commissario e restano tutti senza parole quando si scopre che il traditore è Malik Soprani (Miguel Gobbo Diaz).

Alba, delusa dall'atteggiamento del ragazzo di cui si era invaghita, è pronta a combattere e chiede a Riccardo (Giulio Cristini), il suo ex fidanzato e brillante avvocato, di difendere suo papà. A quel punto Malik, amareggiato per essere la causa dell’arresto del suo collega nonché padre della sua amata Alba, si decide ad affrontare Micaela Carta (Antonia Liskova) e le chiede di continuare le indagini per dimostrare l'innocenza di Carlo.

 

L'arresto di Carlo e il ruolo di Malik

Il ritorno al distretto dell'agente scelto Marco Cantabella (Alessandro Sperduti) consente alla squadra di lavorare per cercare di scoprire tutta la verità sul caso Bosca. Nel frattempo, Riccardo riuscirà ad ottenere i domiciliari per Carlo, ma le cose non migliorano: mentre Guerrieri fatica a rispettare gli ordini, la figlia Alba si ritrova improvvisamente ad affrontare un serio pericolo. Le scene finali saranno ad alto tasso di colpi di scena.

Per saperne di più: 

© Riproduzione Riservata

Commenti