Serie TV

Il racconto del reale: al via i docu-film per capire senza filtri l‘attualità

Tra gli autori e registi coinvolti ci sono anche Mimmo Calopresti e Beatrice Borromeo

Il racconto del reale Sky

Francesco Canino

-
 

Mettere a fuoco i fatti per capirli e comprendere la realtà con un linguaggio nuovo, senza filtri e mediazioni. S'intitola Il racconto del reale il nuovo ciclo di docu-film al via su Sky Atlantic Hd da domenica 13 novembre in seconda serata, che punta sulle grandi storie mettendo al centro i fatti e non la voce di chi racconta, con una narrazione immediata e senza filtri attraverso gli occhi dei protagonisti. Così le elezioni americane, il boom della chirurgia estetica e ancora la vita in carcere vista dagli ergastolani e il Mediterraneo come porta d’Europa per i migranti, vengono narrati con un linguaggio vicino a quello cinematografico e delle grandi serie tv. 

Il racconto del reale, si parte con la violenza negli stadi 
Si parte domenica 13 novembre alle 23.15 su Sky Atlantic HD (e in contemporanea su Sky Tg24) con L'ultimo stadio. Il film, prodotto dalla 42° Parellelo di Mauro Parissone, racconta la finale di Coppa Italia Fiorentina–Napoli del 3 maggio 2014 a Roma, durante la quale fu ucciso il tifoso Ciro Esposito. Un racconto senza mediazioni, fatto anche attravero le immagini registrate dai telefonini dei tifosi e dalle telecamere della Polizia, fuori e dentro lo stadio, che farà vedere da un'altra prospettiva una giornata da ultras, in mezzo agli scontri e ai lacrimogeni, mentre l’occhio dell’elicottero della Polizia di Stato segue tutto dall’alto.

I registi e gli autori del progetto 
Protagonista assoluto de Il racconto del reale è dunque la realtà, narrata con uno stile che si allontana dai tradizionali linguaggi del documentario e dalla tecnica dell’inchiesta, ma ne mantiene il rigore: per questo nuovo progetto Sky ha voluto coinvolgere alcune delle più importanti personalità del mondo della cultura e del giornalismo, tra cui Mauro Parissone, Ambrogio Crespi, Michele Bongiorno (che ha prodotto la trilogia Racconti moderni su armi e sicurezza, nuovi poveri, narcisismo), Luigi Prieto e Bill Emmot. Mimmo Calopresti firmerà ad esempio La fabbrica fantasma, che pone lo sguardo sul mondo dei trafficanti e della contraffazione, indagato attraverso un viaggio dal porto di Napoli fino al confine tra Ungheria e Ucraina: la "fabbrica fantasma" diventa il non luogo che nessuno è pronto a denunciare ma che tutti conoscono, da cui arrivano giocattoli, cibo, sigarette. 

Il doppio impegno di Beatrice Borromeo
Due dei docu-film del ciclo di Sky Atlantic saranno invece realizzati da Beatrice Borromeo. Il primo progetto è Selfie Surgery - Vorrei essere il mio avatar e osserva la moda che si sta affermando tra i più giovani di modellare il proprio fisico come quello dei propri avatar digitali, mentre il secondo appuntamento è con Ti odiamo a morte preside, co-firmato con Mia Benedetta e prodotto da Good Film. Quest'ultimo racconta la vita di una maestra elementare di Caivano, in provincia di Napoli che ogni mattina fa il giro delle case dei camorristi della zona per prendere i loro figli e convincerli ad andare a scuola. Un vero eroe civile, il cui lavoro passa troppo spesso sotto silenzio.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Sky Go Plus, ecco il servizio che gli appassionati di serie TV stavano aspettando

La nuova versione della piattaforma permette fra le altre cose di scaricare e rivedere su cellulare o tablet i contenuti on demand. Senza consumare dati

Paola Saluzzi: "Racconto agli italiani i fatti del giorno. Sky? È la mia casa"

"La Rai? Sono riconoscente ma non mi manca. Mi piacerebbe avere un anno di tempo per realizzare un ciclo di interviste"

Palinsesti Sky: tutto sui programmi e le serie tv della nuova stagione

Intanto impazza la polemica per il "licenziamento" di Paolo Di Canio. Ecco cos'è successo

Commenti