Francesco Canino

-

Uno è un noto pugile "quasi campione", deluso dalla vita. L’altro un atleta acerbo e completamente a digiuno di tecnica. Sono loro i protagonisti de Il coraggio di vivere, il film tv di Rai 1 con Adriano Giannini in onda venerdì 7 aprile in prima serata: il racconto di un'amicizia tra due uomini e di rinascita diventa un percorso tortuoso e affascinante dove sport, dedizione e amicizia si trasformano in strumenti per la conquista di una seconda possibilità.

Il coraggio di vincere, il film tv con Adriano Giannini
I protagonisti de Il coraggio di vincere sono Adriano Giannini, nei panni di Rocco, un ex pugile in cerca di riscatto e proprietario di una palestra. Poi ci sono Nino Frassica, un navigato allenatore di boxe di nome Marcello, e Serena Rossi nelle vesti di una manager sportiva determinata e capace. Centrale nella sceneggiatura è poi la figura di Ben, interpretato da Yann Gael, nel ruolo di giovane clandestino senegalese, destinato a trovare nella boxe la strada per raggiungere affermazione e riconoscimento. A rendere il racconto ancora più credibile è la partecipazione di Patrizio Oliva, ex campione europeo, mondiale e Olimpico, nel ruolo di Mariotti, un intraprendente organizzatore di incontri sul ring. 

Rocco è stato un pugile molto promettente e ha sfiorato il titolo europeo ma una sera, combattendo sul ring per il titolo italiano, viene messo fuori gioco dalla scorrettezza di un suo avversario e da un clamoroso errore arbitrale. Da quel momento la sua vita è scivolata tra fallimenti e delusioni: ora Rocco ha superato i quarant'anni, si è separato dalla moglie e vive con pochi soldi e nessuna speranza. Assieme al suo ex allenatore Marcello gestisce una vecchia palestra, dove si allenano pochi i giovani pugili e nessun vero talento. 

L'incontro tra Rocco e Ben
Il pugilato resta il grande rimpianto silenzioso di Rocco. Un giorno incontra Ben, che per vivere si arrangia facendo pulizie nel bar di fronte la palestra: il ragazzo si ritrova coinvolto in una rissa e per difendere i proprietari del bar da due malviventi al soldo di un usuraio della zona, Rocco interviene per placare gli animi e rimane affascinato dalla agilità di Ben, dalla sua forza, dal suo coraggio. Grazie a Ben, e al suo talento per il pugilato, Rocco riprende in mano la sua vita: sa di non poter più salire sul podio, ma potrà continuare ad allenare un campione. 

La strada però sarà piena di insidie. Pur di portare Ben sul ring e fargli conquistare il titolo italiano, Rocco si infilerà infatti dentro una storia di bugie e falsità: scoperto, sarà sul punto di perdere tutto e per recuperare la stima del ragazzo e la sua credibilità, dovrà mettere in discussione se stesso e affrontare i fantasmi del suo passato, tappa obbligata prima di correre verso la vittoria insieme al giovane pugile. Ci riuscirà grazie al sostegno di Monica, giovane manager sportiva che ha fiducia in Rocco ed è disposta a dargli una seconda chance. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I Bastardi di Pizzofalcone: al via la serie con Gassmann e la Crescentini

I protagonisti della fiction tratta dai libri di Maurizio de Giovanni sono un gruppo di poliziotti scomodi e ingombranti

I bastardi di Pizzofalcone: i luoghi di Napoli dov'è stata girata la serie di Rai 1

La serie cult con Alessandro Gassmann, ispirata ai libri di Maurizio De Giovanni è stata girata in alcuni dei luoghi più iconici di Napoli

Gabriella Pession: "La porta rossa sorprenderà tutti"

Il noir adrenalinico ideato da Carlo Lucarelli e Giampiero Rigosi, è un giallo dalle sfumature oscure che induce a riflettere a tutto campo

Commenti