Francesco Canino

-

Una nuova miniserie dal forte valore civile, che riaccende i rifettori su uno dei più grandi naufragi della nostra storia recente, avvenuto nel Mediterraneo. È molto più che una fiction I fantasmi di Portopalo, in onda lunedì 20 e martedì 21 febbraio, liberamente tratta dall’omonimo libro di Giovanni Maria Bellu e interpretata da uno straordinario Giuseppe Fiorello. Natale del 1996. Una carretta del mare stipata di migranti al largo di Portopalo: centinaia tra donne, uomini, ragazzi e bambini muoiono nel tentativo di avverare il sogno di una vita migliore, approdando in Sicilia. Parte proprio da questo tragico inabissamento il film tv, un emozionante racconto di una vicenda realmente accaduta e rimasta per troppo tempo sepolta in fondo al mare.

I fantasmi di Portopalo, la miniserie con Beppe Fiorello
La comunità di Portopalo - un paesino di meno di 4 mila abitanti sulla punta meridionale della Sicilia, a pochi chilometri dal punto più a sud dell’Italia continentale - è unita e solidale e sta vivendo un periodo molto florido. Tra i personaggi de I fantasmi di Portopalo c'è il notabile, Don Gaetano Salemi, patriarca di una famiglia che da generazioni occupa tutti i posti di potere (i suoi figli sono diventati uno sindaco e l’altro presidente del consorzio di pesca), c’è il parroco dalla mentalità un po’ chiusa e gretta, poi c’è un gruppo di pescatori ben amalgamato che conosce la dura legge del mare.

Quando capita il naufragio, tutti gli equilibri saltano e saranno proprio i pescatori ad allearsi e a condividere l'ingombrante segreto per mantenere intatta la quiete di questo piccolo paese e salvare il proprio lavoro. Tra di loro però c’è Saro Ferro, che più di tutti gli altri subisce questa decisione e ne sente il peso: sarà proprio lui il motore di questa storia civica di coraggio e verità e quando la pressione diventa troppo forte, decide di denunciare l'accaduto ad un giornalista rompendo per sempre un patto doloroso.

Il cast della fiction di Rai 1
«Non è solo un film di impegno civile, ma soprattutto un film che racconta con chiarezza che la società civile è la vera politica di un paese», spiega Giuseppe Fiorello, che de I fantasmi di Portopalo è il protagonista principale e lo sceneggiatore, nei panni del pescatore Saro Ferro (il cui vero nome è in realtà Salvo Lupo), simbolo di quei cittadini che sanno mettersi al servizio della comunità per migliorarla. «Per anni ho inseguito questa storia, per anni mi sono posto l'obiettivo di far conoscere al pubblico questa storia sepolta in fondo al mare e dimenticata per troppo tempo dalle istituzioni», sottolinea l'attore. Nel cast della miniserie ci sono anche Giuseppe Battiston, Roberta Caronia e Adriano Chiaramida





 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Beppe Fiorello: "I fantasmi di Portopalo, tra dramma e impegno civile"

La miniserie racconta la tragedia dell'inabissamento di una carretta del mare stipata di migranti al largo di Portopalo

C'era una volta Studio Uno: i 5 motivi del successo

Il potere evocativo dei ricordi e l'effetto vintage hanno convinto quasi 7 milioni di spettatori

C’era una volta Studio Uno: la miniserie sul varietà che ha cambiato la tivù

Le due puntate raccontano la storia di un gruppo di ragazzi che inseguono il sogno di lavorare in televisione

Commenti