Serie TV

Elena Ferrante, al via i casting per la serie tratta da "L'amica geniale"

A Napoli sono iniziate le selezioni per trovare gli attori che presteranno il volto a Lina, Lenù e gli altri

ferrante-amicageniale

Barbara Massaro

-

Napoli in subbuglio per l'inizio dei casting di The Neapolitan Novels, la serie tv tratta dalla quadrilogia di Elena Ferrante della saga iniziata con L'Amica Geniale, l'epopea che dal dopoguerra agli anni 2000 narra le vicende di Lenù, Lina e delle rispettive famiglie.

La serie, prodotta da Fandango e Wildside con numerosi partner stranieri, sarà diretta da Saverio Costanzo. Saranno 32 le puntate da 50 minuti l'una divise in quattro stagioni.

Al momento si cercano ragazzine di un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni che possano interpretare Lenù e Lina bambine. I casting sono diretti da Laura Muccino. La sceneggiatura, cui sta contribuendo la stessa Ferrante la cui identità resta top secret, è scritta da Francesco Piccolo e Laura Paolucci. La location della serie dovrebbe essere Napoli anche se ancora si stanno cercando gli accordi.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

‘Storia di chi fugge e di chi resta’, il nuovo libro di Elena Ferrante

Esce oggi il terzo romanzo della saga di Elena e Lila, le ragazze de ‘L’amica geniale’ e ‘Storia del nuovo cognome’

Elena Ferrante tra i 100 pensatori più influenti al mondo

La misteriosa autrice italiana conferma il successo guadagnato negli Stati Uniti, entrando nella celebre lista di Foreign Policy

Chi è veramente Elena Ferrante?

È celebrata come la scrittrice rivelazione del momento. Ma nessuno sa chi sia e se quello è il suo vero nome. Indagine su un'autrice misteriosa e sui sospettati che potrebbero nascondersi dietro la sua identità

La saga di Elena Ferrante diventa una serie tv: 5 cose da sapere

La coproduzione coinvolge Fandango e Wildside. La scrittrice lavorerà alla sceneggiatura

Elena Ferrante a chi?

Uno dei pochi casi di narrativa italiana pop-di-qualità degli ultimi anni non smette di dare soddisfazione ai lettori e al suo editore

Commenti