Eugenio Spagnuolo

-

Non capita spesso che una serie tv prenda le mosse da un documentario. Ma ciò potrebeb dare a Code Black, in onda dal 4 marzo alle 21 su Raitre, una marcia in più, visto anche l'argomento: segue le avventure dello staff medico del Pronto Soccorso dell’Angels Memorial Hospital di Los Angeles, che cerca di salvare vite umane sfidando il sistema, per proteggere i pazienti più bisognosi.

Che cosa vedremo
“Code Black” – codice nero- è il termine usato nelle E.R. americane, quando i casi di pronto soccorso superano le forze umane ospedaliere in quel momento disponibili. La dottoressa Leanne Rorish (Il Premio Oscar Marcia Gay Harden) è a capo di un gruppo di medici, infermieri e dottorandi con cui dovrà affrontare i casi disperati che le si presentano cercando sempre di trovare la soluzione giusta, e sfidando la mancanza di risorse e gli ostacoli del sistema medico americano. Scopriremo che il suo passato è stato segnato da un incidente drammatico che ha sconvolto la sua vita personale.

Il cast
Luis Guzman è Jesse Selander (“mamacita”), Rafa Jaffrey è il dr. Neal Hudson. Altri medici dello staff hanno i volti di Bonnie Somerville, Melanie Chandra, Benjamin Hollingsworth e Harry M. Ford.

Da sapere
Code Black è basato sul documentario di Ryan McGarry, Code Black, A look into America's busiest ER, vincitore di diversi premi tra cui quello di miglior documentario al Los Angeles Film Festival.

Che cosa hanno scritto

"Non per il schizzinosi, ma un nuovo medical drama ben realizzato". (Verne Gay, Newsday)

"L'azione e l'inizio dello sviluppo dei personaggio promettono bene". (Gail Pennington. St. Louis Post-Dispatch).

Il trailer

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Il caso O.J. Simpson diventa una serie tv: foto, trailer e cose da sapere

La prima stagione di American Crime Story è dedicata al caso giudiziario più controverso della storia americana. Con un cast incredibile

Mr Robot: foto, video e cose da sapere sulla serie tv dell'anno

Il mondo degli hacker protagonista di una serie pluripremiata, finalmente anche in Italia su Premium

Commenti