The Chi: foto, trailer e cose da sapere sulla nuova serie crime

Scritta dalla talentuosa Lena Waithe, arriva in Italia la serie che racconta l'altra Chicago. Ispirandosi a The Wire

Eugenio Spagnuolo

-

Assuefatti alla Chicago “ricca” di The good wife e di The good fight potreste fare fatica a riconoscere la stessa metropoli in The Chi, attesissima serie scritta da Lena Waithe, in onda su Fox a partire dal 15 luglio. La differenza è di prospettiva (e non solo): se The Good Wife agiva la Chicago dei quartieri alti, The Chi infatti mette in scena la comunità del South Side di Chicago (il titolo è il nomignolo con cui gli abitanti chiamano la città), che detiene il triste primato di morti violente in America: due omicidi al giorno. Non a caso la serie è stata paragonata al cult The Wire.

 

Che cosa vedremo in The Chi
The Chi inizia con l’omicidio di una giovane promessa del basket. Lo sguardo si allarga così all’intera vita di un quartiere dove anche una scelta apparentemente semplice può avere conseguenze mortali. La facilità di accesso alle armi e l’indifferenza delle istituzioni sono il file rouge della serie, che vuole raccontare un mondo senza pietà privilegiando la narrativa alla sociologia.
Protagonisti di The Chi sono quattro ragazzi del South Side, che non si conoscono ma le cui vite si intrecciano all’improvviso dopo il tragico evento. C’è Brandon (Jason Mitchell) che sogna di aprire un ristorante ma deve fare i conti con il desiderio di vendetta dopo l’omicidio del fratello e c’è il piccolo Kevin (Alex Hibbert) che vuole mettere in scena The Wiz alla recita scolastica solo per flirtare con una compagna ma il destino lo porta nel posto sbagliato al momento sbagliato, costringendolo a diventare adulto in una notte. Poi Emmett (Jacob Latimore) con la stessa ossessione per le sneaker e le ragazze e una vita scombinata da un figlio di cui ignorava l’esistenza e, infine, Ronnie (Ntare Guma Mbaho Mwine) che ha avuto guai con la giustizia e vuole riconquistare il suo vero amore. Ma prima dovrà riuscire a combinare qualcosa nella vita.
Attorno a loro un’altra dozzina di personaggi ognuno con un vissuto da aggiungere al mosaico variopinto che rappresenta il carattere peculiare della serie. Molti critici Usa hanno rilevato come The Chi dia il meglio di sé quando fa trasparire le emozioni più profonde dei personaggi nell’intimità delle scene domestiche piuttosto che sui marciapiedi violenti del South Side. La serie si va a inserire nel nuovo rinascimento dramedy afroamericano insieme a tre dei migliori titoli delle scorse stagioni televisive come Atlanta, Insecure e Dear White People. C'è chi l’ha addirittura paragonata a The Wire, considerata una delle migliori serie TV mai realizzate.

Il trailer

Che cosa hanno scritto
«Magnetica e coerente sin dall’inizio, The Chi inevitabilmente ispirerà paragoni con "The Wire", il dramma definitivo sui pericoli della vita di città. Eppure il suo sguardo ricco di dettagli sui sentieri che si intersecano, tagliando trasversalmente le generazioni, scolpisce rapidamente la propria nicchia, in cui la tragedia genera la tragedia e la vendetta arriva con conseguenze». (Brian Lowry, CNN)

«Al centro del grande e immensamente talentuoso ensemble di The Chi c'è Jason Mitchell, che interpreta Brandon, uno chef che sogna di aprire un ristorante tutto suo con la fidanzata Jerrika (Tiffany Boone, The Following) mentre cerca di rallentare la discesa costante di sua madre Laverne (Sonja Sohn, The Wire) nell'alcolismo». (Glenn Garvin, Reason.com).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Londra: i luoghi delle serie tv, da The Crown a Sense8

Alla scoperta della capitale inglese attraverso i luoghi visti in 4 serie cult: The Crown, Sense8, McMafia e Fleabag

Fauda: la serie tv che mixa Homeland e Gomorra. Foto e video

La serie made in Israele è una delle piùmpiacevoli sorprese di Netflix

Le migliori serie tv "crime" del 2018

Da McMafia a Trust, passando per L'Alienista: tutte le facce del genere che domina la tv

Commenti