Serie TV

Chance: il ritorno di Hugh Laurie in una serie tv

Da neurologo a neuropsichiatra: Laurie, dopo il Dr House, torna a studiare la mente in una serie tv. Ma stavolta...

chance

Eugenio Spagnuolo

-

Ammettiamolo: un po’ ci manca il Dr. House. Il suo modo di risolvere misteriosi disturbi neurologici in un’ora di tv, aveva un ché di ipnotico. E chissà se il dottore conserva ancora il suo tocco magico: lo scopriremo in Chance, la nuova serie in onda dal 6 dicembre su Infinity, dove Hugh Laurie interpreta un neuropsichiatra forense di San Francisco. Ma nessun medical drama all’orizzonte. Stavolta si tratta di un thriller in piena regola.

La trama

Nel bel mezzo di un divorzio, il neuropsichiatra forense di San Francisco Eldon Chance (Hugh Laurie) inizia una relazione con una ‘femme fatale’ che soffre di disturbo di personalità multipla (Gretchen Mol) che ha un ex marito che è un pericoloso detective della omicidi (Paul Adelstein).

Il trailer

Gli autori

Chance è prodotta da Brian Grazer, fondatore assieme a Ron Howard della Imagine Entertainment con la quale ha prodotto tra gli altri EdTV, A Beautiful Mind, Apollo 13 e Il codice da Vinci. La serie è ispirata all’omonimo romanzo di Kem Nunn (edito in Italia da Time Crime).

Dal libro

Chance non si riteneva estraneo alle macchinazioni con cui le persone gettavano le basi strutturali della loro prigionia, cittadelle dalle cui finestre sotterranee si riusciva di tanto in tanto a sentire le urla. Come Houdini, costruiamo il congegno che ci intrappola e al quale alla fine dobbiamo soccombere o fuggire...”.

Perché guardarla

Perché sì: Laurie, un bel libro come ispirazione, un producer che sa il fatto suo.
Perché no: se siete habitué del genere thriller, potrebbe sembrarvi un po’ prevedibile.

Che cosa hanno scritto

“Chance è costruita estremamente bene, giocando con la tensione fin dall'inizio. Ti prende e poi ti sorprende”. (Jeff Korbelik, The Lincoln Journal Star)

“Una serie come Chance sembra nata per il binge watching, e questo rende la strategia di Hulu di rilasciare gli episodi settimana dopo settimana, proprio come in televisione, abbastanza frustrante. Gli appassionati di thriller psicologici, però, probabilmente riterranno che Chance merita l'attesa”. (Gail Pennington, St. Louis Post-Dispatch)

“Sebbene Chance sia divertente, di buon umore e ben recitata, si avveret una mancanza di urgenza e di apporto personale che fa sì che sia buona serie, ma non una grande serie”. (Chris Cabin, Collider)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

She's Gotta Have It: la serie tv di Spike Lee. Foto e trailer

Lola Darling, il fortunato film d'esordio del regista afroamericano è diventata una serie tv di Netflix in 10 episodi

Long Road Home: una bella serie tv sulla guerra in Iraq

La "Black Sunday" dell'esercito americano in Iraq diventa una serie col talentuoso Michael Kelly di House of Cards

Mary Kills People: arriva in Italia la serie tv sul fine vita

Due medici e il suicidio assistito negli Usa: su Tim Vision una crime story, che mette in scena il tema etico per eccellenza

Commenti