Contro la mafia entra in azione un'altra squadra d'élite della Polizia di Palermo. L'epica lotta tra lo Stato e Cosa Nostra è al centro della trama di Catturandi-Nel nome del padre, la nuova fiction di Rai 1 al via con un doppio appuntamento questa sera e domani in prima serata. Nella Palermo che fa da intricato scenario della storia, Palma Toscano - interpretata da Anita Caprioli - capirà che nulla è mai come appare: i mafiosi più temibili sono infatti volti insospettabili e anche gli amici più sinceri possono tradirti. Ecco alcune anticipazioni sulla serie che Alessio Boni, un altro dei protagonisti della fiction, ha definito "pirandelliana e allo stesso tempo coraggiosa".

Catturandi-Nel nome del padre, al via la fiction di Rai 1
Ma chi è questa squadra d'élite, chi sono gli uomini migliori della polizia palermitana? I Catturandi si rivelano artisti della sorveglianza elettronica e abili a rendersi invisibili. La loro punta di diamante è una giovane donna, Palma Toscano, impulsiva, appassionata e con un grande obiettivo: catturare l’ultimo capo della più potente organizzazione criminale del mondo, Natale Sciacca, districandosi tra affari illeciti e una grande ferita che ancora lascia il segno. La misteriosa morte del padre, eroe della Polizia, da sempre condiziona infatti la sua vita. Indecisa tra due uomini, indecisa tra due colpevoli: il suo è un viaggio al fondo del tradimento e solo quando riuscirà a trovare il coraggio di toccare il punto più basso della sua esistenza, Palma troverà quello che cerca davvero, ovvero se stessa.

Anita Caprioli, Alessio Boni e il maxi cast
Co-prodotta da Rodeo Drive e Rai Fiction, la fiction è diretta da Fabrizio Costa e scritta da Luca Rossi e Alessandro Fabbri. La sceneggiatura segue le vicende della squadra guidata da Palma Toscano (Anita Caprioli), impegnata nella caccia all'ultimo capo della più potente organizzazione criminale del mondo, Natale Sciacca (Vincenzo Amato). La Caprioli interpreta una donna determinata ma con una ferita che non si è mai rimarginata e che condiziona la sua vita. Nel cast ci sono poi Massimo Ghini, nei panni del vicequestore Valerio Vento, Leo Gullotta (l'avvocato Ruggero Mazzamuto) e ancora Alessio Boni (Tito Vergani), un affascinate economista milanese di livello internazionale, che arriva a Palermo per concludere un investimento sulle pale eoliche, portandosi dietro l' amatissima figlia Alina (Marta Gastini).

La prima puntata della nuova serie
La squadra speciale Catturandi di Palermo arriva a un soffio dalla cattura del famoso latitante Sciacca, ma a finire in manette è il suo vice Toni Cannizzaro. Una grande delusione per il vice questore Palma Toscano (Anita Caprioli), che ha speso gran parte della sua carriera nell’inseguimento del boss. La caccia al latitante continua con a capo della Catturandi proprio Palma, come le promette il suo capo Monaco ma quando la donna è vicina alla cattura di un collaboratore vicinissimo a Sciacca si blocca: un ricordo le affiora nella mente, così il criminale ne approfitta, la ferisce e fugge. In ufficio Palma rivede Valerio (Massimo Ghini), sarà lui il nuovo capo della Catturandi al suo posto e Monaco la obbliga a farsi visitare da uno psicologo per capire cosa sia successo. Intanto Tito Vergani (Alessio Boni), un uomo d’affari milanese arriva a Palermo con la figlia Alina per finanziare l’ampliamento di un parco eolico: lo assiste l’avvocato Ruggero Mazzamuto (Leo Gullotta), rappresentante del "mondo di mezzo" palermitano. Su Tito grava una minaccia mafiosa, incarnata da Turi Vastano, come scoprono Palma ed Ivan, e così gli uomini della Catturandi decidono di tenere d’occhio Vastano che sospettano legato a Sciacca. E quando Palma si trova di fronte allo psicologo, deve far luce su un altro mistero: perché il ricordo che l'ha bloccata riguarda suo padre Luca Toscano, eroe della lotta alla mafia morto quindici anni fa?

 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti