Who is America? La serie tv di Sacha Baron Cohen. Foto e trailer

L'irriverente protagonista di Borat riprende il viaggio nell'America "vera". Senza sconti a nessuno

Eugenio Spagnuolo

-

Il ritorno del terribile Sacha Baron Cohen non passa per il cinema ma per la tv. Non un film ma - a 12 anni da Borat (e a 9 da Bruno) - Who is America?, una serie televisiva che moltiplica per 7 episodi (di mezz’ora) la sua visione politicamente scorretta dell'America e degli americani. In Italia sarà disponibile da lunedì 15 su Sky Atlantic e Sky On Demand.

 

Che cosa vedremo in Who is America
Inventore di personaggi ai limit della satira come Ali G, Borat e il fashionista Bruno, Baron Cohen torna con una nuova serie di “maschere”, pensate per ingannare persone famose e mettere alla prova i limiti della creduloneria individuale. Nell'episodio di apertura, è Billy Wayne Ruddick Jr, il (finto) fondatore di un sito Web di Infowars-a-like, un teorico della cospirazione di "estrema destra", che odia Obamacare perché lo ha costretto ad andare dal dottore e scoprire di avere "due tipi" di diabete, gambe obese e depositi gessosi"; l’ex detenuto Rick Sherman, che dipinge con le sue feci; e l'ex colonnello dell'esercito israeliano Erran Morad, desideroso di estendere il suo programma di protezione dei bambini negli Stati Uniti. E non finisce qui…

Il trailer

Sacha chi?
Due volte vincitore del BAFTA e del Golden Globe, nominato agli Oscar, scrittore e comico televisivo e cinematografico, Baron Cohen è entrato nella scena della commedia americana con Da Ali G Show, che ha ricevuto sei nomination all'Emmy e due premi BAFTA nei suoi 4 anni di programmazione. Il suo secondo progetto importante è stato Borat: Studio culturale sull'America a beneficio della gloriosa nazione del Kazakistan, un lungometraggio con protagonista il suo secondo alter ego, Borat Sagdiyev, un giornalista kazako. Ha prodotto, scritto e recitato nel film che è stato un fenomeno mondiale piazzandosi al primo posto nelle classifiche di 24 Paesi e gli è valso un Golden Globe come miglior attore in una commedia o musical e una nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura non originale.

Che cosa hanno scritto
“Tutte le prestazioni sono convincenti, impegnate, meticolosamente preparate e sostenute da formidabile intelligenza e che gli permettono di ruotare e seguire ovunque il suo pudore sembra più fruttuoso portarlo con sé. Ma anche, come nei suoi lavori precedenti, non è sempre chiaro chi o quale sia l'obiettivo, e, il più delle volte, le interviste sembrano finire per dimostrare la forza della gentilezza delle persone piuttosto che la debolezza dei loro principi” (Lucy Mangan, The Guardian).

“È divertente, oltraggioso, grande e spaventoso. Parte del materiale è gratuito e “sicuro”. Ma la maggior parte dello show è decisamente sul punto”. (Matthew Gilbert, Boston Globe).

“Un po’ si ride in Who Is America?, ma la sensazione più profonda che ricevi dallo show è la stanchezza. Gli istinti comici casuali di Cohen sono di attualità nel peggiore dei modi” (Darren Franich, Entertainment Weekly).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le serie tv più attese dell'autunno 2018

il debutto di Julia Roberts, Neil Gaiman, i Romanoff, ma anche tanto horror formato tv: tutte le primizie seriali dell'autunno

5 sitcom da vedere (e rivedere) per ridere nel 2018

Novità, revival e graditi ritorni Da "Young and hungry" a "Will & Grace", passando per l'inossidabile "The Big bang theory": le sitcom tutte da ridere

Living Biblically: trailer e cose da sapere sulla nuova sitcom "religiosa"

Un giornalista decide di vivere secondo gli antichi precetti. In America.

Commenti