Eugenio Spagnuolo

-

Tea ha vinto: 1992 avrà un seguito, e molto probabilmente si chiamerà 1993. Tea è l'attrice Tea Falco, che nella fiction di Sky Atlantic HD sugli anni di Tangentopoli, interpreta la ricca e viziata Bibi, presa di mira dai critici e sui social network per la sua recitazione non proprio ortodossa (diciamo così). Ma davanti agli ascolti, si sa, non c'è critica che tenga. E 1992 di spettatori ne ha macinati tanti: quasi un milione a puntata, tre volte quelli di House of Cards e il 40% in più rispetto a Game of Thrones, le due serie di punta del canale tv.

Sarà contento Stefano Accorsi: oltre a esserne protagonista, 1992 nasce da una sua idea (strano ma vero, a una serie su Tangentopoli non ci aveva pensato nessuno). E così 1993 e forse 1994, perché i bene informati dicono che Sky punti alla trilogia. Del resto la storia italiana di quei tre anni di spunti ne offre parecchi.

Al momento, va detto che non ci sono comunicati ufficiali. Ma è stato lo stesso Accorsi a far presagire il sequel nel finale di 1992, con la frase: "...sarà un magnifico 1993". E se lo dice lui.

Ma che 1992 dovesse avere un seguito era prevedibile. Sky ha deciso strategicamente di investire nella produzione di serie tv in Europa da trasmettere in tutti i paesi dove è presente: 1992, tanto per dire, è andata in onda in Italia, Inghilterra, Germania, Irlanda  e Austria. Gomorra addirittura ha attraversato l'oceano. Netflix si batte anche così.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

1992: la serie tv di Sky su Tangentopoli

Da un'idea di Stefano Accorsi, che ne è anche protagonista, debutta oggi (24 marzo) in contemporanea in 5 paesi

Commenti