Televisione

Sanremo 2019: Pio e Amedeo, Hunziker e gli ospiti della seconda serata

Tutto sulla scaletta e le esibizioni della puntata, in onda su Rai 1 mercoledì 6 febbraio. Ascolti in calo di due punti per la partenza del Baglioni-bis

Sanremo 2019

Francesco Canino

-

Buona la prima per Sanremo 2019. Se le 24 canzoni hanno letteralmente sommerso lo show, sul fronte degli ascolti Claudio Baglioni non può non ritenersi più che soddisfatto: il temuto tracollo non c'è stato e il leggero calo di ascolti è stato ben somatizzato bene in casa Rai. E così, tra autocritica e difesa, il clima della vigilia della seconda puntata in onda mercoledì 6 febbraio, si fa decisamente disteso. Ecco gli ospiti della serata.

Sanremo 2019, tutto sugli ascolti (in calo)

Troppo varietà o troppo poco varietà? A rispondere è il direttore di Rai 1 Teresa De Santis che blinda la prima puntata snocciolando i numeri della serata: "È stato il Festival che speravo, è una vittoria del prodotto e la musica ha vinto. Claudio, Virginia e Claudio si sono tenuti indietro, privilegiando la musica", spiega.

Il termini di ascolti, dunque, il Festival è in linea con le aspettative. "È quello che speravamo, perché abbiamo intercettato le fasce più giovani", spiega la De Santis. La prima serata è stata vista da oltre 10 milioni di telespettatori con uno share del 49,5%, ovvero due punti in meno del 2018, che fu record degli ultimi dieci anni. "Ma la platea complessiva è calata di 1 milione e mezzo nell'ultimo anno", precisano dalla Rai.


Il picco di ascolti? 15.662 mila spettatori alle 21.46 con l'esibizione di Andrea Bocelli e il figlio Matteo, mentre il picco di share, alle 23.30, il 54%, è stato col duetto di Baglioni e Giorgia. Ottimi i numeri social: con 2 milioni 800 mila interazioni, è l'evento tv più "commentato" della stagione, anche per via della giacca ipnotica (e criticatissima) di Claudio Bisio

"Il dirottamento è partito", azzarda il vice direttore di Rai 1 Claudio Fasulo. "Stiamo conquistando il pubblico più giovane, ovvero quello di domani". Si brinda perché nella fascia tra i 15-24 anni i picchi sul pubblico femminile hanno toccato il 71% e perché sugli altri media si viaggia su numeri alti e la fruizione su Rai Play è cresciuta sfondando quota 500 mila visualizzazioni. 


La soddisfazione (e il futuro) di Baglioni 

A ribadire la soddisfazione ci si mette anche Claudio Baglioni, che spiega così le incertezze del debutto: "L'avvio di qualsiasi avventura ha bisogno di un rodaggio, ma siamo contenti. Il tema del nazional popolare e dell'internazionalità è stato centrato, come dimostrano i picchi di ascolti".  

E aggiunge: "Il mio desiderio? Parlare di musica. Mi faccio da parafulmine su polemiche e sciacallaggio, ma sarò il servitore di questa povera canzonetta italiana che ancora raccoglie entusiasmo. Sarà il mio compito fino alla fine: penso anche al Festival che verrà, chiunque lo faccia". E sul futuro di Baglioni interviene la De Santis: "Vorrei un Festival corale e celebrativo ma non escludo Claudio: il suo lavoro, anche umanamente, è stato straordinario". 

Gli ospiti della seconda serata di Sanremo 2019

Quanto alla seconda puntata, in onda mercoledì 6 febbraio, la carrellata di ospiti è più ricca visto che in gara si esibiranno solo 12 dei 24 big in gara. Sono in arrivo Fiorella Mannoia, Marco Mengoni con Tom Walker, Riccardo Cocciante e poi ancora Michelle Hunziker - che torna dopo il successo del 2018 - Laura Chiatti e Michele Riondino, Pippo Baudo, e, a sparigliare i giochi, Pio e Amedeo. Nel corso della serata verrà consegnato il Premio alla carriera dedicato alla memoria di Pino Daniele

Ad esibirsi saranno Achille Lauro, Arisa, Loredana Berté, Federica Carta e Shade, Ex Otago, Einar, Ghemon, Il Volo, Nek, i Negrita, Daniele Silvestri e Paola Turci. "L'ordine di uscita non è ancora stato stabilito", precisa la Rai. Giovedì 7 febbraio sono invece in arrivo come ospiti Antonello Venditti, Alessandro Amoroso, Raf e Umberto Tozzi, Fabio Rovazzi, Serena Rossi, Ornella Vanoni e Paolo Cevoli.

Bisio e Raffaele fanno autocritica

La coppia Bisio-Raffaele ammettono di essere stati azzoppati dell'emozione e che il ruolo di cerimonieri, parecchio diverso da quello che abitualmente ricoprono, li ha penalizzati. Claudio Bisio fa autocritica e ammette: "Vorrei fare cose meno scritte. Posso fare di meglio, me lo dico da solo", spiega annunciando momento inatessi in coppia con Virginia Raffaele.  

"Ho un foglio pieno di sorprese, da qui a sabato le sveleremo". Le pressioni politiche per il monologo su Baglioni-migranti? "Ero teso, non volevo fare gaffe. Ho sentito moltissimo la pressione intorno, anche per via dei giornalisti. Il testo scritto con Michele Serra l'ho fatto leggere da Baglioni, poi Fasulo. L'ho riscritto venti volte". 

Per saperne di più: 


© Riproduzione Riservata

Commenti