Sanremo 2014: Marco Mengoni, Brignano e Zingaretti ospiti della quarta serata

All'Ariston questa sera anche il mago Silvan, Scamarcio e la Placido. Paolo Virzì presiede la giuria di qualità Social #Sanremo 2014

sanremo

Stasera la finale della gara dei Giovani, al via dalle 22 e 40. "Avrà la centralità che merita", ha spiegato Fazio – Credits: (Ansa)

Francesco Canino

-

Gli ascolti di Sanremo 2014 restano al palo e non risalgono la china. La terza puntata è stata vista in media da 7 milioni e 673 mila, pari al 43.94% share medio, dati alti ma non in linea con le aspettative e decisamente inferiori allo scorso anno. Di questo si è a lungo discusso questa mattina in conferenza stampa al Roof dell’Ariston, dove Fazio e la Littizzetto hanno difeso il proprio lavoro spalleggiati dal direttore di Rai Uno Leone. Intanto quella di stasera si preannuncia una grand puntata tra i duetti dei cantanti, la gara dei Giovani e un’infornata di ospiti niente male: ecco tutti i dettagli.

I DUETTI E GLI OSPITI. Al centro della puntata, ci sarà l’omaggio ai cantautori italiani fatto dai Big, molti dei quali duetteranno con ospiti d’eccezione. Ecco le accoppiate: Riccardo Scamarcio e Francesco Sarcina; Alessandro Haber-Alessio Boni e con Giusy Ferreri; Simona Molinari e Renzo Rubino; Violante Placido e i Perturbazione; Fiorella Mannoia e Frankie Hi-Nrg; Tommy Lee e Raphael Gualazzi; Marina Rei e Paola Turci con Riccardo Sinigallia. Spazio poi alle guest star: attesi Marco Mengoni, Gino Paoli, Enrico Brignano, Luca Zingaretti, Paolo Nutini e il mitologico Silvan. “Avevamo imbastito dei contatti anche per avere Michelle Obama – svelano Leone e Fazio – A giugno si mette in campo ogni desiderio, poi la lista inevitabilmente si assottiglia”. Quella sulla Obama non è una boutade e Leone confessa  di aver provato a mettere in campo anche il direttore generale della Farnesina. Il colpaccio, assai improbabile, non è poi riuscito.

LA GARA DEI GIOVANI E LA GIURIA DI QUALITA’. Scende in campo già stasera la giuria di qualità, quest’anno presieduta da Paolo Virzì: con lui ci saranno la scrittrice Silvia Avallone, Paolo Jannacci, Piero Maranghi, Aldo Nove, Lucia Ocone, Silvio Orlando, Giorgia Surina, Rocco Tanica e la violinista Anna Tifu. La giuria voterà per le nuove proposte e domani per i Campioni: il voto peserà per il 50%, mentre l’altro 50% spetterà al pubblico da casa con il televoto. “La gara dei quattro Giovani la mettiamo alle 22 e 40, così avrà la centralità che merita – ha spiegato Fazio - Il risultato lo daremo però alla fine e terremo il televoto aperto”.

L’AUTOCRITICA DI FAZIO. “Cos’è che non sta funzionando? Forse l’eccesso di eclettismo: mettere insieme cose tanto diverse può creare una certa distrazione - prova a spiegare il conduttore - Ma l’impianto e il contenuto non è poi così distante dallo scorso anno. O forse c’è una mancanza di sintonia con il presente. Il rischio era comunque che non fossimo più inediti ma questo era un problema iniziale”. Anche Leone difende il Festival: “Crediamo in questo Festival di qualità: per noi è un dato positivo, non possiamo solo inseguire a tutti i costi il successo perdendo identità”. Il direttore di rete annuncia che Rai Uno ha in ballo diversi progetti legati alla musica, in particolate con Ligabue e Laura Pausini, e presto sarà trasmesso un concerto di Fiorella Mannoia con le canzoni di Dalla.

LA DIFESA DEGLI OSPITI.Franca Valeri e Raffaella Carrà tutta la vita, altro che Demi Moore”, dice Luciana Littizzetto rispondendo alla domanda sulla mancata presenza di super ospiti. L’attrice non nasconde poi la partenza in salita e il peso delle aspettative dopo il successo del 2013. “Io mi diverto lo stesso, forse perché ho un ruolo diverso da Fabio: lui costruisce, io faccio più in fretta a distruggere. Qui mi misuro con cose che non faccio di solito: è un gioco ma è anche un gran lavoro”. Alle accuse sugli ospiti replica anche Fazio: “Difendo la non prevedibilità e le scelte fatte: Sanremo è difficile da costruire perché ognuno vorrebbe vedere il Festival che ha in mente, ma accontentare tutti è impossibile. Il nostro sforzo è stato quello di fare un passo in avanti e di scegliere un cast avanzato e diverso”. 

© Riproduzione Riservata

Commenti