Sono ore di grandi manovre in casa Rai, tra tasselli mancanti, riposizionamenti in corso e trattative serrate per chiudere i contratti in vista della presentazione dei nuovi palinsesti, prevista per fine giugno. Campo Dall’Orto è in cerca del gran colpaccio e punta a strappare Paolo Bonolis a Mediaset, come anticipato dall’AdnKronos, ma la partita è ancora apertissima. Ecco alcune delle indiscrezioni raccolte in questi giorni da Panorama.it.

Bonolis verso la Rai

La notizia del possibile approdo in Rai di Paolo Bonolis l’ha lanciata ieri l’Adnkronos facendo non poco clamore. Secondo quando risulta a Panorama.it, a spingere per il ritorno sarebbe lo stesso Antonio Campo Dall’Orto: l’amministrare delegato della Rai avrebbe contattato in prima persona il manager Lucio Presta per avviare le trattative, ma per ora la situazione è in stallo. Dopo il flop del mediazione per convincere Maurizio Crozza a lasciare La7 (era uno dei sogni dell’ad), Dall’Orto è in pressing per riuscire nell’impresa di sottrarre Bonolis a Mediaset e aggiudicarsi un nome grosso che segni una discontinuità con la gestione passata. Il sogno nel cassetto del conduttore? Riportare in tv Il senso della vita.

Le manovre per il sabato e la domenica pomeriggio

Uno dei punti su cui si discute in questi giorni è poi il futuro di Domenica In. Dopo il tira e molla con Mediaset, Massimo Giletti resta in Rai (lo ha svelato lui stesso a La Stampa) e L’Arena è confermata, mentre sulla seconda parte del pomeriggio molto dipende dal budget che l’azienda metterà a disposizione: la rete avrebbe chiesto più fondi per “rifondare” la domenica con un progetto corposo, ma anche quest'anno si paventa il rischio che lo storico contenitore salti. Occhi puntati poi sul sabato pomeriggio: l’obiettivo è infatti quello di valorizzare uno slot importante anche per Rai Pubblicità, fino ad ora lasciato alla concorrenza (il tentativo di Sabato In non è riuscito), magari con un rotocalco inedito per il quale sarebbe già stato individuato un volto di punta. Ma le trattative sono ancora top secret.

Detto Fatto si allunga?

Sul fronte di Rai 2, c’è la conferma della una striscia quotidiana musicale affidata a Nicola Savino, che però lascerà la conduzione di Quelli che il calcio (la notizia l’ha anticipata il settimanale Oggi). Saltata l’opzione Ilaria D’Amico - uno dei desiderata del direttore di rete Ilaria Dallatana, che avrebbe incontrato qualche settimana fa il volto di punta di Sky Calcio – si cerca ancora una conduttrice femminile. Certo è che non sarà Caterina Balivo: tra le ipotesi che la riguardano, c’è infatti l’allungamento di Detto Fatto che da settembre dovrebbe passare dalle due alle tre ore.

Isoardi-Capua-Panicucci

Quanto alla mattina di Rai 1, è quasi certa la cancellazione di A conti fatti, la striscia condotta da Elisa Isoardi schiacciata della concorrenza. Tra le ipotesi in ballo c’è lo spezzettamento dello slot: la prima metà consentirebbe il prolungamento di Storie Vere di Eleonora Daniele (premiata dagli ottimi ascolti), la seconda verrebbe invece affidata ad Antonella Clerici che spalmerebbe così la sua Prova del cuoco lungo due ore di diretta. E la Isoardi? Le voci di trattative con Mediaset sono vere e s’ipotizza il suo approdo alla conduzione di MelaVerde, anche se il “sogno proibito” della conduttrice di Cuneo sarebbe l’arrivo a Mattino 5Federica Panicucci è infatti pronta a traslocare su Italia 1 con una nuova versione de La pupa e il secchione (declinata al maschile) e dunque si cerca una sua sostituta: Roberta Capua, data per certa fino a qualche giorno fa, sul suo profilo privato di Facebook frena: “La notizia è una bufala, a me non risulta. Sarebbe bello”, ha scritto. Ma in molti dicono che avrebbe tutte le carte in regola per farcela.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti