Project Runway Italia: vince Marco Taranto

Alberta Ferretti, Tomaso Trussardi ed Eva Herzigova hanno incoronato il primo vincitore del talent sul mondo della moda di FoxLife

Marco Taranto

E’ Marco Taranto il vincitore della prima edizione del talent show sul mondo della moda targato FoxLife – Credits: (Ufficio Stampa)

Francesco Canino

-

E’ Marco Taranto il vincitore della prima edizione di Project Runway Italia. Venticinque anni, di origini calabresi, si è aggiudicato l’agguerrita finalissima del talent show sul mondo della moda di FoxLife, durante la quale ha presentato la sua prima collezione al Palazzo del Ghiaccio di Milano e battuto la linea ispirata alle bambole “pulp” di Giorgia e quella dorata di Elena.

LA STORIA DI MARCO. Ad incoronare il vincitore, ex ballerino del Teatro San Carlo di Napoli, sono stati i giurati Alberta Ferretti, Tomaso Trussardi ed Eva Herzigova, che del talent era anche la conduttrice. Nato in Germania e cresciuto in Calabria, Marco Taranto ha scoperto la sua passione per la moda grazie alla nonna Rosa, sarta di professione, e proprio a lei ha voluto dedicare la vittoria: assistente docente presso una scuola di moda di Roma, ha vinto grazie alla determinazione e all’originalità delle sue creazioni, con uno stile inconfondibile che ha conquistato la severissima giuria.

IL PREMIO. Dopo la vittoria, per Marco si aprono ora le porte del mondo del fashion: lo stilista si è infatti aggiudicato un contratto di un anno nell’ufficio creativo della Trussardi, ma anche un viaggio a New York durante la settimana della moda - il prossimo settembre - sponsorizzato da Maybelline, con accesso al backstage delle sfilate più esclusive. Ma non è tutto: i pezzi migliori della sua collezioni saranno pubblicati sul mensile di moda Marie Claire. Il giusto coronamento di un sogno, insomma: come ha raccontato più volte, per lui la moda “rappresenta l’unico modo per sfogare quello che ho dentro, per comunicare e per sentirsi vivo.  Il mio processo creativo si basa su un’intima riflessione personale che rende le creazioni concettuali e tutt’altro che scontate”. 

© Riproduzione Riservata

Commenti