Televisione

Per gli Europei di calcio la Rai si tuffa su Snapchat

Presentati i palinsesti dell'appuntamento sportivo: sei trasmissioni, tra nuove tecnologie e "narrazione"

Rai Sport Twitter

Antonella Piperno

-

Per gli Europei di calcio Raisport sbarca su Instagram, dove ha appena inaugurato il suo profilo e, oltre che sugli scontati Facebook e Twitter, perfino su Snapchat, a caccia di millennials e teenager, quel pubblico giovane che  storicamente le manca.

A caccia di Millenials, con social e narrazione

Quale migliore occasione per sperimentare lo svecchiamento che il dg Antonio Campo Dall’Orto annuncia dal suo insediamento? I  diritti degli Europei di calcio sono di Sky, ma la Rai trasmetterà in chiaro, dal 10 giugno, 27 partite, su Raiuno e Rai HD:  quelle dell’Italia, i migliori 4 ottavi di finale, tutti i quarti, le semifinali e la finale.

Un mese di calcio giocato incorniciato da sei trasmissioni seminate su Rai1, Rai3, Rai2 e Raisport1 oltre che in radio e su Rai4 dove a dissacrare l’evento ci penserà la Gialappa’s.

I palinsesti sono stati presentati a Palazzo Farnese, sede dell’ambasciata francese, con tutto lo stato maggiore della nuova Rai (al tavolo accanto al presidente della Federcalcio Carlo Tavecchio, probabilmente poco a suo agio con Snapchat) schierato a spiegare la nuova "narrazione" sportiva.

Campo Dall’Orto affiancato dal direttore della nuova direzione digital Gian Paolo Tagliavia, ha chiarito  che con gli Europei la tv pubblica comincerà a raccontare "il romanzo popolare dello sport".

Come? Coniugando la narrazione agli strumenti tecnologici che renderanno le partite fruibili su tutti i "device", dalla paleolitica tv a computer e smartphone. Ha annunciato pure l'impiego della tecnologia "Ultra Hd/4k" dando vita, a fine conferenza stampa,  a capannelli che si chiedevano cosa fosse mai quella diavoleria tecnologica che permette una definizione più profonda dell'immagine.

Sei trasmissioni, e il direttore di Raisport fa il regista

Con l’avvento del nuovo direttore di Raisport Gabriele Romagnoli pare proprio che saranno archiviate le obsolete trasmissioni con i conduttori che spiegano: "Ognuna avrà la sua sceneggiatura", ha annunciato Romagnoli in versione regista. Ne Il caffè degli europei condotto da Simona Rolandi con la presenza in studio di Vincent Candela ad esempio, ci siamo ispirati a Un uomo, una donna di Claude Lelouch".

Ci saranno collegamenti da Casa azzurri e dal campo per conoscere le scelte del ct Antonio Conte. E ancora. I giorni di Parigi, (Raitre alle 20,10) sarà sì un racconto degli Europei ma sarà anche ricco di storie di calcio, di personaggi e di temi sociali legati a Parigi, Bataclan incluso.

Si commette su Insinna

La vera scommessa sarà però quella di Raiuno (alle 23,10) con Il grande match affidato all’esperienza di Marco Mazzocchi (che con Paola Ferrari si occuperà anche dei pre e post match) e a Flavio Insinna poco a suo agio con il calcio. Ha convinto Romagnoli, ha raccontato il direttore di Raisport "proprio grazie al suo dirsi emozionato" nel  trovarsi davanti a nomi come Arrigo Sacchi, Marco Tardelli e Federico Balzaretti, a cui è affidata la parte tecnica del programma.

Gli altri tre programmi sono la Rassegna stampa di Giovanna Carollo (Raisport1 alle 7,30), Zona 12 PM (Raisport1 alle 12) e zona 7 PM (alle 19 su Raisport1) appuntamenti con approfondimenti, collegamenti e notizie di calcio mercato.  

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Euro 2016 tra Rai e Sky: la nazionale piace in tv (anche se perde ascolti)

Copertura totale per la manifestazione francese (costata 100 milioni di euro), ma i dati delle qualificazione sono allarmanti

Commenti