Televisione

Netflix farà un film sul terrorista Breivik

Lo stragista di Utoya, che nel 2011 uccise 11 persone, al centro di un film verità diretto da Paul Greengrass

breivik-saluto-romano

Ce lo eravamo quasi dimenticato. Ma riecco Anders Breivik, il terrorista che il 22 luglio 2011 compì due stragi tra Oslo e Utoya e seminò il terrore in Svezia uccidendo 77 persone. Netflix ha annunciato che dedicherà un film a quegli orribili fatti, affidandone la regia a Paul Greengrass, regista della saga degli action movie di Jason Bourne, ma che si è fatto conoscere nel 2002 con Bloody Sunday, film sulla domenica di sangue, avvenuta nel 1972 a Derry, nell'Irlanda del Nord (di cui parla anche la celebre canzone degli U2, ndr).

Il film

Il film su Brieivik, che al momento sconta una pena a 21 anni di carcere, sarà girato in Norvegia con attori e troupe locali e avrà un costo contenuto per gli standard americani: circa venti milioni di euro. Un prodotto destinato al mercato europeo, anche se l’argomento incrocia pericolosamente anche l’attualità americana: Brievik è un estremista di destra, che ha sempre dichiarato di aver agito in nome di un’ideologia "suprematista".

Brievik per ora è solo il titolo provvisorio, ma è molto probabile che Netflix in seguito virerà su un titolo meno personalistico per evitare polemiche, un po’ come ha fatto con Pablo Escobar e Narcos: più che un ritratto dell’assassino, il film dovrebbe infatti essere una versione scandinava di Bowling a Columbine e raccontare quel 22 luglio, quando Brievik, dopo aver fatto esplodere un’autobomba nel centro di Oslo, irruppe sull’isola di Utoya dove si teneva il Summer Camp per ragazzi del Labour Party e iniziò a fare fuoco su di loro. Orrore senza fine.

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

Breivik, il mostro della strage di Utoya, vince la causa: violati i suoi diritti

Il tribunale ha stabilito che l'uomo, responsabile della morte di 77 persone, avrebbe subito un trattamento disumano in carcere

Ozark: foto e trailer della nuova crime story di Netflix

Tra mafia story e dramma familiare, una serie nel segno di Breaking Bad

Festival di Cannes e Netflix: lo "scontro" tra Almodovar e Will Smith

Secondo il regista spagnolo "sarebbe un paradosso una Palma d'oro a un film che non si vede in sala". L'attore invece difende le piattaforme web. Ecco cos'è successo

Commenti