Miss Italia... Continua

Dopo anni di rispolveri ma nessuna vera rivoluzione, finalmente si è arrivati al tanto voluto restyling del concorso di bellezza più famoso del Paese

Da sinistra Cesare Bocci, Patrizia Mirigliani, Massimo Ghini e Francesca Chillemi

Alessia Sironi

-

È un’entusiasta Massimo Ghini a lanciare, dopo parecchie polemiche e frecce al veleno, la 74esima edizione di Miss Italia che finalmente è riuscita a trovare un approdo sicuro (La7) dopo un lungo peregrinare, tanto da aver già assegnato il record di miss più longeva a Giusy Buscemi.

“Miss Italia ha fatto la storia della bellezza nel nostro Paese ed è giusto che si possa e debba ancora credere al sogno di Cenerentola cui molte ragazze ambiscono. Questo è un concorso pulito e trasparente che permette alle fanciulle che lo desiderano di calcare il palcoscenico e tentare la strada della televisione e del cinema”, racconta l’attore prestato alla conduzione che polemizza con chi ha visto del “marcio” nel concorso: “Il fatto che questa sia una kermesse limpida è dimostrato dal fatto che queste ragazze sono tutte accompagnate dai genitori. Io non ho mai saputo di tronisti o troniste che si facciano accompagnare dalla mamma. E questo la dice lunga”, punge abilmente la rete che non ha voluto il concorso, se non ha patto di cambiargli il nome Massimo Ghini.

E così, un po’ per svecchiare un concorso che era diventato un po’ noioso, da quattro serate si è passati a una sola che andrà in onda domenica 27 ottobre alle 20.45, in diretta dal Pala Arrex di Jesolo e che vedrà, oltre a Massimo Ghini, anche la partecipazione di Cesare Bocci e Francesca Chillemi, incoronata Miss Italia proprio dieci anni fa su Rai Uno. Ed è proprio grazie allo strappo con la rete ammiraglia che è nata l’idea di un vero e proprio restyling. A partire dalla conduzione.

“Io non mi sento un conduttore”, sottolinea l’attore romano, “sono stato chiamato per fare e dare spettacolo ed è quello che cercherò di realizzare con l’aiuto dei miei colleghi”. Anche Patrizia Mirigliani è d’accordo sul fatto che la serata di domenica debba essere spettacolare; ed soddisfatta dell'accordo con La7. “Non sarebbe stato giusto che una manifestazione storica che ha visto anche quest'anno una partecipazione notevole non si concludesse in televisione. Sarà un grande evento, un'edizione speciale, attesa dalla città di Jesolo, sulla quale si sta lavorando con grande entusiasmo».

Tra le 63 finaliste, una giuria speciale formata dai registi Saverio Marconi e Stefano Reali e l’esperta di casting Gianna Tani promuove alla fase successiva 15 candidate. La giuria di spettacolo presente in sala recupera, tra le rimanenti, sei miss per costituire quindi un gruppo di 21 concorrenti. Concorrenti che prenderanno parte alla seconda fase della finale nella quale entra in funzione anche il televoto dove il pubblico e la giuria di spettacolo promuoveranno sette ragazze.

La giuria di spettacolo sarà composta da Rita Dalla Chiesa, Salvo Sottile, Caterina Murino, Saverio Marconi, Massimo Lopez, Lucrezia Lante della Rovere, Manuela Di Centa. Sempre con l’aiuto del pubblico e della giuria si passa da sette a tre candidate, poi a due, fino ad arrivare al nome della vincitrice. In tutto questo ci sarà anche spazio per un superospite d’eccezione e cioè Alessandro Siani e tre ospiti musicali: Roberto Vecchioni, Nina Zilli e Max Gazzè.

© Riproduzione Riservata

Commenti