MasterChef 3: con Iginio Massari vanno a casa Beatrice, Michele e Ludovica

Tripla eliminazione nella gara che entra sempre più nel vivo - Le video interviste

Iginio Massari con i tre giudici – Credits: Ufficio Stampa

Barbara Pepi

-

"E' la bestia nera per i concorrenti di MasterChef ed è arrivata". Sono le parole di Almo a commento dell'arrivo in studio del guru della pasticceria italiana: Iginio Massari.

"Chiunque voglia vincere MasterChef - dichiara, giusto per alleggerire, un lapidale Cracco - deve passare dall'insindacabile giudizio del maestro Massari". E il pasticcere non fa sconti a nessuno determinando l'uscita diretta di un'ingiustificabile Beatrice e mandando al Pressure Test non uno, ma tre concorrenti.

MISTERY BOX RINASCIMENTALE - Quaglia siberiana, ciliegie bianche di Cerignola, pomodori neri della Crimea, farina gialla, latte d'asina, uova di gallina livornese, formaggio di capra, patate di montagna e asparagi viola di Albenga. Sono tutti gli ingredienti rari e degni di un re che si sono trovati davanti i 13 concorrenti rimasti in gara a MasterChef. "Sono cibi per un banchetto rinascimentale" dichiarerà un estasiato Alberto che, con sapienza ed esperienza grazie soprattutto a delle cipolle caramellate con ciliegie, si piazzerà tra i migliori tre. Ma il piatto "da ristorante" della MisteryBox della serata è stato quello cucinato da Eleonora, ottima nel disossare la quaglia siberiana ed estasiare lo chef Barbieri con un rollè praticamente perfetto. Sul podio anche Federico che ha preparato delle coscette di quaglia passate nel fioretto giallo su crema di patate e verdure croccanti.

UN SIGNOR PAN DI SPAGNA - Sorte vuole che sia proprio l'appassionata di pasticceria Eleonora a trovarsi al cospetto del guru delle torte Iginio Massari, il mastro pasticcere più famoso d'Italia. Massari ha la dote di un naturale sarcasmo amaro che riesce, edizione dopo edizione, ad appiattire anche il più convinto tra gli aspiranti chef. Anche in questa edizione non si è smentito. Eleonora ha potuto scegliere tra Pan di Spagna, pasta frolla e bignè la base dalla quale partire per poi creare un dolce personalizzato. L'aspirante MasterChef ha scelto il Pan di Spagna. Massari, girando tra le postazioni della MasterClass e assaggiando i dolci ha avuto parole "gentili" quasi per tutti. Tra consigli e rimproveri si è speso in frasi del tipo: "Ma tu vuoi fare il cuoco o il muratore? Perchè questo impasto sembra malta" oppure: "A consumare questa torta se hai del vino cattivo te lo bevono tutto per provare a mandarla giù". 

LA SCENA MADRE - L'apice della puntata, però, è stato quando Beatrice (la concorrente che ballava col lievito madre) ha avuto una sorta di crisi isterica perchè non le è venuto il Pan di Spagna. Beatrice non è mai stata molto amata dagli altri: vuoi per la sua saccenza e l'atteggiamento da "maestrina", vuoi per i continui battibecchi con Eleonora che ha più volte accusato di aver "copiato", vuoi per una sorta di antipatia genetica che non poteva - a detta degli altri - far a meno di trasmettere. Quello che è successo in studio ha, così, lasciato tutti di stucco. Dopo aver perso tempo con l'impastatrice che le si era smontata, Beatrice ha messo in forno l'impasto tardi. Risultato: quando lo ha tirato fuori era più che crudo. Tra le lacrime, sullo scadere del tempo, ha pregato gli altri di donarle del Pan di Spagna da farcire e, dopo aver rimediato un paio di dischi, ha buttato dentro della farcia in pochi attimi: giusto il tempo di farsi richiamare dai giudici che, senza pensarci due volte, l'hanno mandata a casa per impresentabilità della prova.

LASCIA O RADDOPPIA - Non era ancora finita però. Dopo aver decretato vincitore Federico, davanti alla mannaia dei tre giudici (più Massari), sono andati Michele G., Michele C. e Ludovica. Nessuna eliminazione immediata per i tre, ma la "condanna" a saltare l'esterna per arrivare direttamente al Pressure Test.

STREET FOOD - I concorrenti "ammessi" alla prova esterna, a questo punto, erano solo nove. Il vincitore dell'Invention Test Federico ha scelto la sua squadra, la gialla, e ha chiamato con sè Almo ed Eleonora. Il medico ha avuto anche la possibilità di determinare le squadre avversarie: la rossa nella quale ha inserito Erica, Alberto e Rachida e la blu formata da Emma, Marco e Salvatore. Presso la centrale idroelettrica Enel di Novi, in provincia di Treviso, le tre squadre hanno dovuto preparare il pranzo ai dipendenti cucinando street food a bordo dei classici furgoni da concerto e stadio. Cucina asiatica per i gialli, mediterranea per i blu e Tex Mex per i rossi. A colpi di falafel, fajitas e hamburger ad aver la meglio sono stati i gialli. I peggiori, i rossi, sono andati direttamente al Pressure Test. "Se cucinate per hobby - dirà un sempre pungente Joe Bastianich - andate a guardare gli uccelli".

SEMPRE PIU' VELOCI - Un Pressure Test al cardiopalma quello di questa settimana. Non una, ma ben tre prove a sorpresa per i sei concorrenti col grembiule nero. Se già 15 minuti di tempo sembravano pochi per cucinare un piatto da ristorante, i dieci minuti della seconda prova e i cinque della terza devono essere sembrati un istante infinito agli aspiranti cuochi. Dopo il primo Pressure a salvarsi sono stati Alberto e Enrica che hanno raggiunto in piccionaia dagli altri. La prova da dieci minuti, che si sperava fosse l'ultima, ha determiando l'eliminazione di Michele Guida che se ne è andato ascoltando le parole di Carlo Cracco: "Avevamo pensato che tu potessi arrivare alla fine, ma hai fatto di tutto per farci cambiare idea". Salva, a sorpresa Rachida, che - prima di cambiare idea ad un paio di minuti dalla fine - stava per servire prosciutto e melone a MasterChef. Mentre proprio Rachida, insieme a Ludovica e Michele, già tirava un respiro di sollievo è arrivata la doccia fredda: c'é ancora una prova. L'ultima. Presentare un piatto in cinque minuti. Rachida gioca il tutto per tutto e prepara un polenta istantanea con gamberi rossi in padella e Michele osa una minigrigliata di pesce, Ludovica perde con spiedini di gamberi crudi serviti con una salsa slegata che causa l'abbandono della gara da parte della giovane casalinga. A far più male a Ludovica è essere uscita proprio contro la sua rivale di sempre: Rachida. "Tante persone al mondo sono buone come me - dirà salutando la gara - spero ce ne siano poche come lei".

LA VIDEO INTERVISTA A BEATRICE

 

LA VIDEO INTERVISTA A MICHELE

 

LA VIDEO INTERVISTA A LUDOVICA

 
© Riproduzione Riservata

Commenti