Looking
Sky
Looking
Televisione

Looking, il mondo gay su Sky: 6 cose da sapere

Una nuova serie prodotta dalla HBO racconta la ricerca della felicità di tre uomini gay a San Francisco. Lontano da tutti i cliché

Da stasera su Sky Atlantic

Reduce dal successo americano, arriva anche in Italia Looking, la serie a tematica gay prodotta dalla HBO. La manderà in onda Sky Atlantic per 8 Mercoledì a partire da stasera alle 0.10 (in seguito anche su Sky Online). Ambientata a San Francisco, ruota attorno alle vicende personali e sentimentali di tre uomini. Looking sta per ricerca. In questo caso, forse, la ricerca della felicità.

I protagonisti

Faremo la conoscenza di Patrick (Jonathan Groff), del suo coinquilino Augustin (Frankie J. Alvarez) e del loro amico Dom (Murray Bartlett). Sviluppatore di videogiochi il primo, aspirante artista il secondo e cameriere il terzo, si muovono e sfiorano l'amore nel contesto vivo della cultura gay di San Francisco, la città simbolo di ogni discorso sui diritti civili.

La trama

Patrick si trova nel bel mezzo di una crisi di identità: dopo la conclusione della sua ultima relazione, decide di rimettersi in gioco; Augustin sembra non credere più nell’amore monogamo e va alla ricerca di nuove esperienze; Dom è nel pieno della crisi dei quarantenni e non è ancora soddisfatto né della sua vita sentimentale, né di quella professionale.

In ogni episodio la loro ricerca assume forme diverse, anticipate da un titolo che messo assieme alla parola Looking forma un'espressione di senso compiuto. Il primo episodio per esempio si intitola: Looking… for now.

Looking for...

Se il personale è ancora politico, allora Looking è una serie molto politica: ma non nel senso che credete. Vivere a San Francisco mette i protagonisti al riparo dalle rivendicazioni dei diritti civili nel resto del mondo. Il matrimonio tra persone dello stesso sesso e le leggi anti-omofobia sono dati acquisiti. E si può parlar d'altro. D'amore, per esempio.

Tra Girls e Queer as Folk

In questo gioco di specchi con la vita reale, Looking è più simile a Girls, con la quale è stata trasmessa in tandem, che alla sfacciata (e un po' pretenziosa) Queer as folk, ultima serie "gay" di cui abbiamo memoria in Italia. Non si ride (non troppo), non si piange e il sesso non riempie i vuoti di immaginazione. Proprio come avviene nelle (belle) serie tv d'autore.

Questa, se ci pensate, è già una piccola rivoluzione.

Autore e regista

A metà strada tra la comedy e il drama, Looking prende le mosse dal cortometraggio Lorimer di Michael Lannan, che firma anche la serie. Il regista invece è Andrew Haigh, a sua volta autore di Weekend, film acclamato e pluripremiato (il Boston Globe lo ha definito "uno dei più realistici e più bei film mai fatti sull'incontro tra due sconosciuti").

Entrambi firmano anche la seconda stagione di Looking, che vedremo nel 2015: il successo negli Usa (al netto delle polemiche, più o meno prevedibili) è stato tale che la HBO ha deciso di proseguire l'esperimento.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti