Linea Gialla, La7 chiude il programma di Sottile

Il giornalista, precisa la rete, “prosegue il suo lavoro a La7 per lo sviluppo di nuovi progetti previsti nei prossimi mesi”

Salvo Sottile

Il conduttore ha commentato la notizia su Twitter, incassando la solidarietà dei colleghi, tra cui Rita Dalla Chiesa – Credits: (Ansa)

Francesco Canino

-

Dopo diciannove puntate, La7 chiude Linea Gialla. Stop dunque al programma di Salvo Sottile, che la scorsa estate aveva lasciato Mediaset per tentare una nuova avventura sulla rete di Urbano Cairo: complice anche “una collocazione di palinsesto fortemente competitiva”, spiega La7 in una nota, l’obiettivo di crescere negli ascolti non è stato raggiunto. 

GLI ASCOLTI DELUDENTI. Neppure la sterzata nei contenuti attuata dopo la pausa natalizia - meno cronaca nera, più attualità e storie recenti rimaste in sospeso o in attesa di giustizia - è servita a rinvigorire gli ascolti di Linea Gialla, inchiodati ad una media tra il 2,5% e il 3% di share: l’ultima puntata, andata in onda martedì, si è fermata al 2,3% pari a 487 mila spettatori. Davvero al di sotto di ogni più ottimistica previsione, anche se era chiaro sin dall’inizio che ci sarebbe stato bisogno di tempo per fidelizzare il pubblico: “E’ impensabile che il programma faccia subito grandi ascolti, avremo bisogno di tempo”, aveva detto Sottile. Dopo cinque mesi, il tentativo è naufragato.

IL TWEET DI SOTTILE. Dopo il comunicato della rete, ieri sera Salvo Sottile ha commentato via Twitter la notizia: “L’avventura di Linea Gialla finisce qui, ma a me (che ci ho creduto) quella linea resterà sempre nel cuore. Spero mancherà un po’ anche a voi”, ha scritto il giornalista. Che, ha precisato l’azienda, “prosegue il suo lavoro a La7 per lo sviluppo di nuovi progetti previsti nei prossimi mesi”. Una delle prime ad esprimere vicinanza a Sottile, è stata Rita Dalla Chiesa, il cui programma su La7 è stato cassato ancor prima di andare in onda: “Ci rimangono nel cuore le cose in cui abbiamo creduto e per cui abbiamo lottato. Tutto il mio affetto e la mia grande stima”.

GIRANDOLDA PALINSESTI. Intanto La7 si prepara ad una piccola rivoluzione nei palinsesti, annunciata già qualche settimana fa ben prima della chiusura di Linea Gialla. Le Invasioni Barbariche di Daria Bignardi si spostano al mercoledì per far spazio a Maurizio Crozza, in onda il venerdì, che sarà seguito da Bersaglio Mobile di Enrico Mentana: la Bignardi, visto il successo di ascolti, si allunga così di sei puntate. La Gabbia di Gianluigi Paragone trasloca alla domenica (si dice che il giornalista non abbia affatto apprezzato la nuova collocazione). Piazzapulita di Corrado Formigli resta fissa al lunedì e Servizio Pubblico di Michele Santoro al giovedì. Linea Gialla per ora sarà sostituita da film e telefilm.

© Riproduzione Riservata

Commenti