Barbara Massaro

-

Era malata di cancro Erin Moran, un tumore in fase terminale diagnosticato tardi che aveva già toccato milza, polmoni e cervello. E' stata la malattia a uccidere la Jonie di Happy Days e non la droga come si era detto in un primo momento. 

Non è neppure vero che l'attrice sia stata trovata dagli assistenti sociali nella sua casa dell'Indiana, ma si è spenta nel suo letto, mano nella mano col marito Steven Fleischmann che, dal 1993 in poi non l'ha mai lasciata sola.

La lettera di Steven

A raccontare gli ultimi mesi vissuti dalla sfortunata interprete morta a 56 anni è stato lo stesso Steven che, in una lunga lettera pubblicata dal fan club di Happy Days, ha spiegato quanto successo. "Il 21 aprile – scrive Fleischmann – aveva difficoltà a respirare. Il 22 si è svegliata e non era al 100%. Aveva bisogno dei fazzolettini, perciò sono andato a comprarli e sono rientrato.

LEGGI ANCHE: "L'ultimo addio del cast di Happy Days a Erin Moran"

LEGGI ANCHE: "E' morta Erin Moran"

Era lì che guardava la tv nel letto. Mi sono steso accanto a lei e ho tenuto la sua mano destra nella mia sinistra. Mi sono addormentato, mi sono risvegliato un'ora più tardi. Ancora le tenevo la mano ma lei se n'era andata. Il Norton Cancer Institute non ci ha mai detto quanto fosse grave.

Non c'era più nulla da fare

Il medico legale mi ha detto che era davvero gravissimo. Si era diffuso alla milza, aveva molto liquido nei polmoni e si era esteso anche a parte del cervello. Il medico legale ha detto che anche se fosse stata in ospedale, carica di antibiotici, non ce l'avrebbe fatta. Ha detto che è stato meglio che si trovasse con me e che sia morta nel sonno".

Le dichiarazioni di Scott Baio

La verità raccontata dal marito di Erin rende ancora più imbarazzante la dichiarazione resa da Scott Baio, il Chachi di Happy Days, all'indomani della morte dell'attrice che fuori e dentro il set è stata la sua fidanzata.

Baio aveva detto: "Se fai uso di alcol e droga è inevitabile che tu muoia". L'attore ha chiesto oggi pubblicamente scusa sostenendo di essere sotto choc quando si è espresso così.

Le pubbliche scuse

"Ero triste, incredulo e avevo un nodo allo stomaco, ero sotto shock - ha ammesso - Poi su internet e in tv si è diffusa la notizia che fosse morta per un’overdose di eroina. La cosa mi ha sconvolto e mi ha fatto arrabbiare, era una delle mie paure peggiori per lei. Ero in preda alle emozioni, non ho più dormito bene da quando ho saputo la notizia. Poi ho rilasciato quell’intervista radiofonica, mi hanno chiesto solo dei suoi problemi passati con droga e alcol: ero ancora sconvolto e ho detto che quel genere di stile di vita non porta mai a nulla di buono. Ma è stato prima che si sapesse che la causa della morte era il cancro".

Una diagnosi tardiva

Sempre a proposito del tumore Steven Fleischmann, nella lettera, ha raccontato come si sono resi conto della malattia di Erin alla fine di novembre del 2016.

"Erin si è svegliata e c’era una macchia di sangue sul cuscino della dimensione di una moneta da dieci centesimi. Disse: ‘Penso di essermi morsa la lingua’. Sono passati un paio di giorni e c'era una macchia di sangue ancora più grande. Era circa il 4 di dicembre e c’era ancora più sangue. Ho preso una torcia e ho detto di farmi vedere. Non era la sua lingua, ma la tonsilla sul lato sinistro. Pensavo fosse una tonsillite. Così siamo andati da un otorinolaringoiatra che ci disse che voleva fare una biopsia. Venne fuori che si trattava di un carcinoma a cellule squamose. Ha iniziato a fare radioterapia e chemioterapia".

Putroppo le cure non sono bastate e l'attrice il 22 aprile si è spenta tenendo la mano all'uomo che amava.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

È morta l'attrice Erin Moran, "Sottiletta" di Happy Days - Foto

Aveva 56 anni. Famosa per la popolare serie tv anni '70 e '80, dopo la notorietà ha passato momenti di difficoltà economica

L'ultimo addio del cast di Happy Days a Erin Moran

Henry Winkler, Ron Howard, Don Moss e Scott Baio hanno ricordato così la collega dei "Giorni felici"

Commenti