Francesco Canino

-

Un altro pezzo di Rai non c'è più. È morta a Roma il 31 maggio Anna Maria Gambineri, storica "signorina buonasera" tra le più amate e longeve del piccolo schermo: nata nella Capitale il 22 marzo del 1936, aveva lavorato nella tv di Stato ininterrottamente dal 1958 al 1994, annunciando i programmi e il segnale orario. Malata da tempo, era uscita dalle scene da molti anni, rimanendo però nella memoria collettiva come l'inimitabile "Nuvola bionda". 

LEGGI ANCHE: ADDIO ALLE "SIGNORINE BUONASERA"

È morta a 81 anni Anna Maria Gambineri
Con Anna Maria Gambineri se ne va definitivamente un pezzo di storia della Rai. Aziendalista di ferro - ha lavorato solo e soltanto per la tv pubblica - la Gambineri si è sempre contraddistinta per il garbo e il profilo basso: mai una polemica (a parte le querele quando le attribuirono un flirt con il Presidente Giovanni Gronchi), mai un'intervista fuori posto, anche quando la Rai decise di sbarazzarsi di lei senza troppi complimenti. "Un direttore ci prova e lo respingo. Inizia a perseguitarmi e decide di farmi fuori per mettere una sua raccomandata al mio posto", ha ammesso nel 2012 intervistata da Libero. Lei che fu una delle annunciatrici Rai più amate e longeve: annali alla mano, è stata  preceduta in questo ruolo solo dall'iconica Nicoletta Orsomando, Rosanna Vaudetti e Maria Grazia Picchetti

La lunga carriera della "Nuvola bionda" 
Il suo debutto ufficiale in tv risale al 1957. Anna Maria Gambineri fu infatti selezionata assieme ad un'amica come
 concorrente del "Gioco dei mimi", un game inserito in Telematch, condotto da Silvio Noto ed Enzo Tortora: proprio grazie a quella partecipazione venne notata e scritturata nel 1958 in veste di annunciatrice televisiva, diventando per tutti "Nuvola bionda", per via della capigliatura dorata e fluente. Un soprannome che le rimase appiccicato per tutta la carriera, durante la quale diede la voce al segnale orario: in pochi anni si impose come "signorina buonasera" tra le più amate e nel 1965 interpretò se stessa nel film musicale Non son degno di te con Gianni Morandi e Laura Efrikian.

I programmi con Corrado e Paolo Valenti
Con la morte di Anna Maria Gambineri si spenge quasi definitivamente la televisione in bianco e nero. Per chi ha visto la tivù dagli anni '60 alla fine degli anni '80, le "signorine buonasera" rimangono un simbolo indelebile: personaggi come la Orsomando, Maria Giovanna Elmi, Rosanna Vaudetti e ancora l'indimenticabile Roberta Giusti o Marina Morgan hanno incarnato una presenza certa e rassicurante, per quanto il loro ruolo venisse considerato "di contorno" e la Rai, salvo rare eccezzioni, abbia fatto molto poco per valorizzarle.

Nel corso della sua lunga carriera, la Gambineri ha condotto diverse trasmissioni, tra cui Parliamo tanto di loro, Canzonissima con Paolo Poli (nel 1961), Un'ora per voi con Corrado (1968) e Cinque ore con noi con Paolo Valenti (1976) oltre a numerose serate speciali dedicate all'assegnazione di premi e galà musicali. "Il mio sogno? Girare uno spot. Ho fatto tutto in tv, mi manca solo la pubblicità", ha raccontato in una delle ultime interviste. Nel 1990 lasciò temporaneamente il suo ruolo, per occuparsi dell'ufficio stampa della Rai, con l'incarico di addetta alla promozione dei programmi e alle pubbliche relazioni: poi tornò in video per continuare a fare gli annunci, prima del suo pensionamento, nel 1994. 


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Rai: addio alle annunciatrici, le "signorine buonasera" vanno in pensione

Dopo Fulvia Colombo, che annunciò l'avvio delle trasmissioni il 3 gennaio '54, si sono alternate 80 conduttrici

Maurizio Costanzo Show: l'ultima puntata con Banfi e le "signorine buonasera"

Sul palco anche Sergio Sylvestre, Luca Argentero e la campionessa del Mondo di Scherma Paraolimpica Beatrice Vio

Commenti