Amadeus Valerio Staffelli
Televisione

Gaffe di Amadeus: dopo la parolaccia in diretta, arriva il Tapiro di Striscia

L'Onorevole Anzaldi pronto a fare un’interrogazione parlamentare in Vigilanza

 

Non è passata inosservata la gaffe di Amadeus, lo scorso sabato in diretta al termine di Mezzogiorno in famiglia, il programma di Rai 2 che conduce con Alessia Ventura, Sergio Friscia e il maestro Gianni Mazza. Sui titoli di coda, convinto di non essere più in onda, dopo aver augurato buon appetito ai telespettatori il presentatore si è infatti lasciato scappare una parolaccia canticchiando il ritornello di Vorrei la pelle nera. Una "sbavatura" che non è passata inosservata, scatenando ironie e qualche diatriba in casa Rai.    

Il Tapiro d'oro ad Amadeus

E così ieri sera il buon Amadeus si è buscato un sonoro Tapiro d'oro consegnatogli da Valerio Staffelli, un'occasione ghiotta per stemperare le polemiche e ribadire le pubbliche scuse. "Chiedo scusa, non era mia intenzione. È un’espressione che non va detta e mi dispiace. In trent’anni di carriera non ho mai detto una parolaccia, non è mio costume. Anche in questo caso, non era una parolaccia in onda, perché è un fuori onda, avevo finito di trasmettere, avevo salutato tutti e giocherellavo mentre mi toglievo il microfono… che non doveva essere acceso, però la responsabilità è mia. Tra l’altro quella parola è un intercalare, non è neanche una parolaccia, è stata sdoganata", ha detto parlando con l'inviato di Striscia la notizia.

Le polemiche per la parolaccia

Sul caso è intervenuto anche il deputato Pd e segretario della commissione di Vigilanza Rai Michele Anzaldi, annunciando un'interrogazione parlamentare, e lo "svarione" di Amadeus ha creato qualche polemicuccia anche sui social network. Roba di poco conto, sia chiaro. Perché, al netto dell'aver urtato la sensibilità di qualche spettatore, le reazioni alla gaffe appaiono smisurate e infarcite di un polveroso perbenismo. "Ma di che cosa stiamo parlando?", direbbe una puntuta Ventura (Simona). E' più grave una parolaccia "del sén fuggita" o certi orrori catodici a cui assistiamo quotidianamente? E' più volgare dire m*****a (parolaccia utilizzata spesso ne Il commissario Montalbano, ad esempio) o certe inquadrature morbose? A voi la risposta. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti