Alessandro Borghese 4 ristoranti
Televisione

4 ristoranti: Alessandro Borghese a caccia dei ristoratori più originali

In ogni puntata una sfida tra quattro ristoratori della stessa area geografica

Dal miglior ristorante vista mare dell’Argentario, alla cucina sperimentale di Ferrara, dalla sfida tra le pizzerie di Napoli, fino ai migliori ristoranti gestiti da marito e moglie tra San Benedetto del Tronto e Ascoli. Ce n'è davvero per tutti i gusti (e tutti i palati) nel menù della seconda edizione di Alessandro Borghese 4 ristoranti - al via da martedì 10 novembre in prima serata su Sky Uno - l'ambiziosa gastrosfida per scovare i ristoranti più particolari d'Italia. 

Alessandro Borghese giudice assoluto

Visto il successo della prima stagione, Sky Uno ha deciso di produrre, in collaborazione con Magnolia, ben dieci puntate di questa sfida assai curiosa (e golosa). Alla conduzione, confermatissimo lo chef Alessandro Borghese che metterà al servizio del programma la sua lunga esperienza nel campo della ristorazione, viaggiando da nord a sud della Penisola per far conoscere i ristoratori più originali, pronti a sfidarsi per dimostrare di essere i migliori nel proprio campo. Saranno gli stessi protagonisti a votare il migliore della puntata, ma l'ultima parola spetta sempre a Borghese che, con il pacchetto di voti a disposizione, potrà ribaltare il giudizio finale.

Il meccanismo della sfida

In ogni puntata di 4 ristoranti, i protagonisti saranno quattro ristoratori di una stessa area geografica, che ospiteranno nel proprio locale i rispettivi “avversari”, accompagnati da Alessandro Borghese: per prima cosa ispezioneranno ogni angolo del ristorante, poi il conduttore esaminerà con attenzione la cucina ed infine inizierà la cena, durante la quale non mancheranno commenti al vetriolo e osservazioni pungenti. Al termine, si procederà con la votazione su quattro parametri, ovvero la location, il servizio, il conto e il menù: l’ultima parola sarà quella di chef Borghese, che eleggerà il migliore ristoratore della puntata.

 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti