La Virtus Roma si autoretrocede in A2. Al suo posto, Caserta
Paolo Bruno/Getty Images Sport
La Virtus Roma si autoretrocede in A2. Al suo posto, Caserta
Sport

La Virtus Roma si autoretrocede in A2. Al suo posto, Caserta

La società del presidente Toti getta la spugna e riparte dal campionato cadetto. In programma, la valorizzazione del settore giovanile

Mentre la Roma dei Giochi Olimpici è a Losanna per presentare al Cio la candidatura per l'edizione del 2024, l'altra Roma, quella della palla a spicchi, decide di fare un passo indietro per non morire. La Virtus Roma, società fondata nel 1960 (l'anno delle Olimpiadi italiane, gli strani scherzi del destino) e sul tetto della pallacanestro di casa nostra al termine della stagione 1982-83, chiederà alla Federazione di essere iscritta al campionato di A2, "puntando - spiega una nota della società del presidente Claudio Toti - su un programma di rilancio che coinvolga concretamente il mondo giovanile intorno alla pratica della pallacanestro". Si ricomincia dalle basi. Per evitare il tracollo e salvare dignità e titolo sportivo.

Il programma è chiaro: "La nuova squadra - spiega il club - dedicherà grande attenzione alla crescita e alla valorizzazione di giovani talenti sportivi e punterà ad aumentare ulteriormente il radicamento del club nella città di Roma, anche facendosi parte attiva nella realizzazione di progetti di carattere formativo e sociale, a livello sportivo e con il coinvolgimento delle scuole. E'questo lo spirito che animerà la squadra durante la prossima stagione, la quale lavorerà con grande entusiasmo per rilanciare in modo strutturale il basket a Roma, anche lavorando alla creazione di 'Casa Virtus'". Piange Roma, sorride Caserta. Sarà quest'ultima società infatti a prendere il posto della Virtus nel prossimo campionato di Serie A.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti