Sport

Tutte le stranezze del processo Conte

Gli sbagli di Conte, Juventus, FIGC, Palazzi, tifosi, disciplinare etc etc etc - Tutto sul calcioscommesse -

L'allenatore bianconero, Antonio Conte (Credits: Jonathan Moscrop - LaPresse)

Per fortuna ci sono le Olimpiadi, verrebbe da dire. Perché senza Londra tutto l'interesse degli sportivi sarebbe stato rivolto al processo sul calcioscommesse, soprattutto alla vicenda di Antonio Conte, l'attuale allenatore della Juventus. In altre pagine di questo sito potete trovare il resoconto ora per ora di quanto successo a Roma, davanti alla Disciplinare ed alla Corte Federale. E sempre in altre pagine troverete parola per parola le dichiarazioni di guerra di Andrea Agnelli alla Figc e viceversa.

Di sicuro andremo ad un inizio di campionato con handicap. Impossibile infatti che per la fine di agosto (data prevista per la prima giornata) si sia già conlcuso anche il terzo grado di giudizio; si sarà ancora fermi agli appelli. Sarà quindi un Campionato che partirà con molte, troppe cose in sospeso.

In questo mare di polemiche ed accuse vanno però messi alcuni punti fermi, per cercare di non far scoppiare del tutto la baracca... segnalando anche alcuni errori che, in questi giorni, tutti hanno commesso:

CONTE: Ha cambiato linea due volte. "Sono innocente ed andrò fino in fondo a questa storia!" disse infatti battagliero quando venne coinvolto nell'inchiesta. Poi ha chiesto il patteggiamento, 3 mesi + 200 mila euro per i terremotati,  (affrettandosi a sostenere che non si trattava di un'ammissione di colpa). Poi, dopo il no della Disciplinare, ieri ne ha presentato un secondo, 4 mesi + ammenda. Bocciato. ed allora avanti con il giudizio. Colpa sua o degli avvocati? Poco importa. Di certo la coerenza sarebbe stata più gradita, nel bene e nel male.

ANDREA AGNELLI: Il comunicato di ieri, che gli costerà il deferimento (sacrosanto) parte da un presupposto che viene smentito dalle stesse carte dell'inchiesta. Le Procure di Bari e Cremona copn la loro inchiesta hanno colpito decine di giocatori e di suadre, di ogni categoria, grado, nazionalità. Tra questi NON c'è la Juventus che è interessata perché alcuni suoi tesserati all'epoca dei fatti contestati militavano in altre squadre. Pensare che sia stata tutta una cosa costruita e voluta per colpire i bianconeri è falso.

PALAZZI: Certo, a livello procedurale e forense del termine la cosa non fa una piega. Ma vedere un procuratore il lunedì accettare un patteggiamento a 3 mesi + ammenda e chiedere 24 ore dopo per la stessa persona e lo stesso reato 15 mesi è quanto meno illogico

TIFOSI: gli striscioni, i fischi e gli insulti per la Corte e per Palazzi al via del processo lunedì non hanno di certo aiutato. Andare in vacanza, no?

REGOLE: La Giustizia sportiva ha norme semplici, rapide, chiari. Sarano forse vecchie, poco adatte e da cambiare. Di certo non a maxi processo in corso. Quindi. Attaccare queste regole serve solo ad accendere gli animi.

FIGC: Gentili signori. cominciare un campionato senza sapere se la Juventus potrà o no avere l'allenatore Campione d'Italia sulla panchina, partire con questo e tutte le altre sentenze in attesa del terzo grado di giudizio sarebbe un errore madornale. Sarebbe il caso di partire solo dopo la fine del processo. Giusto per riportare un po' di sereno...

CALENDARIO: ecco cosa succederà adesso. Oggi e domani si apre il processo davanti alla Disciplinare, al Foro Italico a Roma. tra una settimana (9-10 agosto) ci saranno le sentenze di primo grado. Il 20 agosto invece è atteso l'appello della Corte di Giustizia Federale

© Riproduzione Riservata

Commenti