Superbike 2014 ad Aragon: le pagelle

Tom Sykes torna in vetta al Campionato. Baz in crescita. La rinascita di Rea?

– Credits: Dorna WSBK

Luciano Lombardi

-

Si chiude con con due Gare piene di emozioni e colpi di scena e con una classifica piloti completamente mutata la trasferta spagnola delle derivate dalla serie. Ecco le pagelle:

TOM SYKES: 10 - Impossibile far meglio per il rinato Campione del Mondo in carica: porta a casa la prima doppietta della stagione e la quarta in carriera e torna a occupare la posizione di vertice della classifica.

LORIS BAZ: 9,5 - Il giovane francese cresce a ritmi impressionanti, tali da cominciare a diventare un compagno di squadra "ingombrante" per Sykes. Sono solo quattro i punti che lo separano dalla cima della hit piloti.

MARCO MELANDRI: 8 - Prima manche incolore, seguita da una Gara 2 di carattere, con colpo di reni finale (andato a vuoto) per conquistare in extremis il secondo gradino del podio.

JONATHAN REA: 7,5 - Torna finalmente a farsi vedere dalle parti del podio, perdipiù dopo essere riuscito a sventare l'attacco kamikaze di Giugliano a tre curve dalla conclusione di Gara 1. Soprattutto, si dice soddisfatto della sua Honda CBR1000RR, reduce da lunga sessione di messa a punto che, evidentemente, ha dato i suoi frutti.

SYLVAIN GUINTOLI: 5,5 - La solita gara incolore dell'imperscrutabile francese, che sembra specializzato a lasciarsi sfuggire punti preziosi. Che la lezione della passata stagione non gli sia servita?

DAVIDE GIUGLIANO: 5 - La potenza è nulla senza controllo: sembra calzare a pennello sul giovane talento laziale il celebre claim del fornitore di pneumatici del Campionato. Passi per una Gara 2 dove - a suo dire - le gomme non hanno fatto bene il loro dovere, ma l'errore di irruenza in Gara 1 andava proprio evitato.

GLI ALTRI PILOTI: N.C.

© Riproduzione Riservata

Commenti