Sbk

Sbk round 4: doppietta di Jonathan Rea ad Assen

Il pilota della Kawasaki conquista la sesta vittoria su 8 gare e stacca Leon Haslam di 50 punti in classifica. Podio numero 500 per la Ducati con Davies

rea

Cristina Marinoni

-

Gara 1

Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) si mette subito alle spalle il compagno di scuderia Tom Sykes (Kawasaki Racing Team), primo in griglia di partenza, e domina la gara. Chaz Davies (Aruba.it Racing-Ducati Superbike Team), che era partito dalla quarta casella, supera Leon Haslam (Aprilia Racing Team Devils) e Tom Sykes per lanciarsi all'inseguimento del nordirlandese. Il campione del mondo 2013 non riesce a mantenere il ritmo dei migliori e deve accontentarsi del quinto posto; Haslam, invece, non molla. Il pilota della Casa di Noale al giro numero 15 sorpassa Sykes e lotta per il podio con Michael van der Mark, rivelazione della gara. Sulla pista di casa il rookie del Pata Honda World Superbike Team guida al limite e conquista la terza posizione dopo un duello estenuante con Haslam. L'olandese, però, non riesce a raggiungere Davies, costante e preciso. Per il ducatista è il sesto podio in 4 round; al ventesimo giro, Rea firma il nuovo record della pista (1’35"889) e taglia per primo il traguardo. Il migliore italiano è Matteo Baiocco dell'Althea Racing (dodicesimo), seguìto da Niccolò Canepa (Team Hero EBR). Sfortunato Ayrton Badovini (Team BMW Motorrad Italia), costretto al ritiro al giro n. 11.

 

Gara 2

Posizioni invariate rispetto a gara 1 per i primi cinque piloti. Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) conquista la seconda doppietta in carriera sul tracciato olandese e diventa il pilota più vincente della storia del circuito, dietro Carl Fogarty. In posta lo seguono Chaz Davies (Aruba.it Racing-Ducati Superbike Team), che conduce la Ducati al podio numero 500 tra le derivate di serie, Michael van der Mark (Pata Honda World Superbike Team), Leon Haslam (Aprilia Racing Team Devils) e Tom Sykes (Kawaski Racing Team), lo sconfitto della giornata. Incerto fino alla fine il terzo posto: la battaglia tra van der Mark e Haslam finisce all'ultimo giro, quando l'olandese supera l'inglese. Oltre il pilota della Honda, sorprende ancora una volta un altro debuttante, Jordi Torres (Aprilia Racing Team Devils), capace di salire la classifica fino al sesto posto. Gli italiani, in attesa che Davide Giugliano - alle prese con il recupero dall'infortunio rimediato nei test di Philli Island - corra la sua prima prova, a Imola: undicesimo Matteo Baiocco (Althea Racing), dodicesimo Ayrton Badovini (Team MBW Motorrad Italia) e ritiro all'ultimo giro per Niccolò Canepa (Team Hero EBR).


© Riproduzione Riservata

Commenti