Sbk

Sbk, round 12: Rea il cannibale trionfa a Magny-Cours

Dopo il titolo mondiale, il nordirlandese conquista le due manche francesi. Davies si conferma il suo migliore antagonista e mantiene la seconda posizione nella classifica generale

Jonathan Rea

Avvicente gara 1, in cui l'asfalto bagnato accorcia le distanze tra i piloti, ma Jonathan Rea non lascia scampo e batte il compagno di box Tom Sykes. Gara 2, sotto il sole, conferma la forma straordinaria del nordirlandese, con un indomito Chaz Davies sulla Panigale che si piazza secondo.


Gara 1

Durante il warmup, la BMW di Markus Reiterberger perde olio; la partenza è posticipata di 15 minuti e i piloti corrono 2 giri in meno. La pista è ancora bagnata a tratti e i rider adottano le gomme morbide. Le condizioni del tracciato non sono ideali ma rendono la manche appassionante dai primi giri: tutti i rider guidano con prudenza e mantengono distanze minime gli uni dagli altri. Acceso il duello di testa, tra i piloti del Kawasaki Racing Team Tom Sykes e il neo campione del mondo Jonathan Rea, e quello per il quarto posto, con protagonisti Leon Haslam (Aprilia Racing Team Red Devils) e Sylvain Guintoli (Pata Honda Superbike Team). Sykes cede il passo a Rea a tre giri dalla fine e termina secondo; il francese conquista il terzo gradino del podio, mentre l'inglese dell'Aprilia accusa problemi tecnici e termina sedicesimo. Buona la prova di Michael van der Mark (Pata Honda Superbike Team), che su piazza quarto, dietro il compagno di squadra; l'usura delle gomme rallenta Chaz Davies (Aruba.it Racing-Ducati Superbike Team), nono al traguardo. Si ritirano Randy De Puniet (Voltcom Crescent Suzuki), la wild card Pavel Szkopek (Szkopek Poland Position) e David Salom (Team Pedercini). Gli italiani: eccellente Matteo Baiocco (Althea Racing), settimo, Niccolò Canepa (Althea Racing) è decimo, seguìto da Gianluca Vizziello (Grillini Racing), Luca Scassa (Aruba.it Racing-Ducati Superbike Team), sostituto dell'infortunato Davide Giugliano, e Ayrton Badovini (Team BMW Motorrad Italia).


 

Gara 2

Il sole splende e la pista è asciutta: le tarature delle derivate sono modificate rispetto a gara 1 e i rider montano gli pneumatici duri. Il gruppo davanti è compatto ma Chaz Davies (Aruba.it Racing-Ducati Superbike Team) e Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) hanno una marcia in più e si affrontano subito per ottenere il primo posto. Anche gli inseguitori Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) e Leon Haslam (Aprilia Racing Team Devils) tengono un ritmo alto ma Sykes allunga e taglia terzo il traguardo. Quando riesce a superare il gallese sulla "rossa", il nordilandese della Kawasaki gestisce la gara in maniera perfetta e vince con un distacco di quasi 3 secondi. Michael van der Mark (Pata Honda World Superbike Team) conferma la giornata positiva e chiude quarto davanti a Haslam. Non terminano la manche Ayrton Badovini (Team BMW Motorrad Italia), che cade a causa della chiusura dello sterzo, e Pavel Szkopek (Szkopek Poland Position). Gli italiani: Niccolò Canepa (Althea Racing) vola e settimoarriva settimo, nono è il sorprendente Luca Scassa (Aruba.it Racing-Ducati Superbike Team) e Gianluca Vizziello (Grillini Racing) è diciassettesimo.

© Riproduzione Riservata

Commenti