La guerra persa (e smentita dai numeri) di Sarri contro il calcio moderno
ANSA/CLAUDIO GIOVANNINI
La guerra persa (e smentita dai numeri) di Sarri contro il calcio moderno
Sport

La guerra persa (e smentita dai numeri) di Sarri contro il calcio moderno

Il tecnico del Napoli si sente penalizzato dalle partite alle 12,30: "Orario che mi fa schifo". Ma per i diritti tv conviene farsi vedere in Asia...

A Maurizio Sarri non piace giocare a calcio alle 12,30. "Questo orario fa schifo, l'unica differenza è che io lo dico e gli altri no" ha detto dopo il successo ad Empoli, faticoso solo nel finale quando i suoi ragazzi hanno tirato i remi in barca rischiando la beffa. Il tema dell'orario non è nuovo, nel senso che il tecnico toscano lo ha spesso portato avanti, ma mai come in questo momento è di retroguardia.

La Lega ha appena piazzato all'ora di pranzo il derby di Milano alla vigilia di Pasqua aprendo al futuro, che nel concreto significa anche provare a mettere una pezza in vista di un'asta per la cessione dei diritti tv domestici che si annuncia meno ricca del passato stante la posizione di Mediaset Premium. E il mercato asiatico fa sempre più gola a tutti, Napoli compreso come dimostra la missione cinese dei mesi scorsi di De Laurentiis.

SVOLTA PER I DIRITTI TV: ECCO PERCHE' INTER-MILAN SI DEVE GIOCARE ALL'ORA DI PRANZO

I numeri che smentiscono Sarri

In futuro i club chieranno sempre più spesso di giocare alle 12,30 con buona pace dei puristi e dei tradizionalisti. Tutti, Napoli compreso. L'uscita di Sarri è, dunque, intempestiva e antistorica oltre che contenente alcune inesattezze. L'allenatore partenopeo lamenta, infatti, di aver dovuto fare due o tre volte il sacrificio del matinée nelle ultime 5 giornate. Cosa che non è vera, perché Empoli-Napoli è stata preceduta solo dalla trasferta a Cagliari alla 16° (11 dicembre 2016) e sarà seguita da quella contro il Sassuolo alla 33°. Tre volte in tutto. 

E le altre? Se si prende il calendario fino alla 33° (ultima di cui si conoscono anticipi e posticipi) c'è un equilibrio quasi perfetto: Inter 4 volte, Milan, Fiorentina e Napoli 3, Juventus, Roma e Lazio 2. Più o meno come l'anno scorso: Inter 4, Napoli, Juventus e Milan 3, Roma 2 e Lazio 1. Insomma, da quando è sbarcato sulla panchina del Napoli, Sarri ha giocato nell'orario odiato lo stesso numero di gare di Juventus e Milan, una in meno dell'Inter e una in più della Roma.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti