26 novembre - 2 dicembre: le bomberate della settimana
Ansa
26 novembre - 2 dicembre: le bomberate della settimana
Sport

26 novembre - 2 dicembre: le bomberate della settimana

La diplomazia di Osvaldo, la compostezza di Lichsteiner, l'espressività di Essien... quante belle qualità in un solo Campionato!

Bomberata n°5: la figuraccia di Otamendi

Getty Images

La sua simulazione ha fatto talmente schifo che non vince nemmeno la Top 5 di Chiamarsi Bomber. Era dai tempi di Dida per lo schiaffetto del tifoso del Celtic che non si vedeva un così pessimo teatrino di arte drammatica. Gesto per niente bomberistico. Voti: Svenimento 4, Tempismo 4, Sportività 2, Tatuaggi improponibili 9. Rimandato senza appello. 

Bomberata n°4: il (simulato) morso di Garnett

Mordere l'avversario non è più un gesto tecnico solo del rugby o del calcio: a sdoganarlo nel basket Nba, spalancando le fauci senza però azzannare, è stato niente meno che Kevin Garnett. E proprio come Suarez con Chiellini ai Mondiali, illustre è anche la vittima: Joakim Noah, figlio del grande tennista francese Yannick. Cliccate qui per il video della giocata...

Bomberata n°3: la compostezza elvetica di Lichtsteiner

Getty Images

La calma e la compostezza da sempre mostrate in campo da Stephan Lichtsteiner hanno raggiunto l'apice nel derby di Torino. Dopo più di un'ora di rissa con Moretti, il difensore svizzero si fracassa la testa contro il carneade Peres, esce dal campo sanguinante, rientra con il turbante e litiga 7-8 volte con il guardalinee. Proprio per una rimessa laterale a sfavore, Lichtsteiner ha espresso tutto il suo disappunto scaricando una bestemmiona in diretta TV che pare abbia sconcertato lo stesso Gialuigi Buffon... E tutto questo prima dell'espulsione, che è però solo un dettaglio.

Bomberata n°2: la faccia di Essien

No, non ha visto il fantasma di Peppino Meazza correre per gli spalti non propriamente pieni di San Siro... La faccia di Essien è per il cartellino rosso sventolatogli davanti al naso da Valeri contro l'Udinese. Espressività da Bomber hollywoodiano: i fratelli Cohen hanno già detto di volerlo incontrare sfruttando la pausa per squalifica.

Bomberata n°1: la diplomazia di Osvaldo

Getty Images

Il Johnny Depp di Buenos Aires, oltre a illudere i tifosi interisti, ha un sussulto di bomberismo contro la Roma: interviene in una discussione tra l’arbitro e Manolas e legge il nome del greco sulla maglietta prima di dargli del "quaquaraqua". Tra l’altro, pare avesse pronta la maglietta “Vi ho purgato ancora” da sfoggiare in caso di vittoria… E' finita però in un altro modo, con Manolas che - offeso - lo ha tolto dagli amici in facebook, mentre via Twitter esplodeva tutto l'amore possibile (si fa per dire) con la tifoseria giallorossa.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti