Nba: arrivano le maglie con i soprannomi

Dagli States annunciano la prossima mossa di marketing della lega. A sperimentare l'iniziativa i Miami Heat di LeBron James e i Brooklyn Nets

Durante la prossima stagione Nba LeBron James potrà sfoggiare il suo soprannome dai tempi di Cleveland non solo sulle T-shirt... (Credits: Getty Images)

Paolo Corio

-

La notizia è stata data dall'Associated Press: durante la prossima stagione Nba Miami Heat e Brooklyn Nets disputeranno alcune partite con i soprannomi al posto dei nomi sulle maglie. Per LeBron niente James sulle spalle, quindi, ma un regale "King James" o magari un ancora più immodesto "The Chosen One" ("Il prescelto").

Mentre il suo compagno di squadra Ray Allen, che ha già commentato favorevolmente l'iniziativa parlando con la stampa americana, è già pronto un impegnativo (in termini di caratteri da stampare sulle spalle) "Shuttlesworth", in onore del personaggio - Jesus Shuttlesworth, appunto - da lui interpretato nella pellicola di Spike Lee "He got game".

La trovata di marketing non mancherà certo di incontrare il favore e quindi il portafoglio dei tifosi, molti dei quali vorranno avere la maglia ufficiale e quella con il "nickname" dei loro idoli. Unico limite al business-plan delle franchigie Nba: alcuni soprannomi dei campioni Nba sono rigorosamente coperti da copyright, come ad esempio nel caso di Superman (Dwight Howard, Houston Rockets) e Batman (Shane Battier, proprio degli sperimentatori Miami Heat).  

© Riproduzione Riservata

Commenti