MotoGP

MotoGP: Valentino Rossi a Jerez per difendere il primo posto in classifica

Sul tracciato spagnolo la MotoGP debutta in Europa. La guida alla gara, tra curiosità e piloti, pronti ad attaccare il migliore: l'inossidabile "Vale"

Valentino Rossi

Cristina Marinoni

-

Dopo Qatar, Argentina e Stati Uniti, il Motomondiale arriva in Europa. La prima tappa nel Vecchio Continente si svolgerà domenica 7 maggio nel sud della Spagna, a Jerez de la Frontera, 12 km dall'Oceano Atlantico. Capitale mondiale del motociclismo, il circuito festeggia 30 anni di MotoGP; è il più stretto tra tutti, 11 mt da cordolo a cordolo, e Angel Nieto (classe 1947, 13 volte campione del mondo) è stato il primo pilota a entrare nella sua Walk of fame, nel 2015.

Unico rider a salire sul podio dall’inizio della stagione, in Andalusia Valentino Rossi cercherà di rimanere in testa al campionato. Sulla M1 del team Movistar Yamaha il "Dottore" ha guadagnato la prima posizione nell'ultima gara (Austin) e, a 38 anni e 66 giorni, è diventato il secondo rider più anziano della storia ad averla conquistata: il record appartiene a Harnold Daniell, con 39 anni e 256 giorni, e risale al 1949.

MotoGP, intervista a Marc Márquez: "Il mio talento? Sono sempre positivo"

MotoGP: la guida al Mondiale 2017

Valentino e gli altri
Proprio nella "Cattedrale del motociclismo" Rossi ha vinto una delle due gare del 2016 (l'altra a Barcellona) ed è il pilota che su questo circuito ha trionfato di più. Delle 7 volte, indimenticabile quella del 2005, quando superò Sete Gibernau con un sorpasso da standing ovation. Andrea Iannone, invece, qui detiene il primato di velocità: sulla Ducati nel 2015 ha raggiunto i 295,9 km orari. Con il nuovo team Suzuki Ecstar l'abruzzese era uno dei rider più attesi del 2017: dopo un esordio poco entusiasmante, sulla pista andalusa "The Maniac" deve cominciare a lottare con i migliori.

Ad avere tutti gli occhi puntati addosso nel quarto GP sarà Jorge Lorenzo, al quale nel 2013 il circuito di Jerez ha dedicato la curva 13, l'ultima prima del traguardo. Il campione maiorchino, 30 anni il 4 maggio, non ha ancora trovato il feeling con la "rossa" di Borgo Panigale, mentre Andrea Dovizioso deve recuperarlo: secondo nella gara di debutto a Losail, a Termas de Río Hondo si è ritirato e ad Austin si è piazzato solo sesto. Sulla Desmosedici ufficiale del team privato Octo Pramac Racing arriva in Spagna carico Danilo Petrucci, forte del buonissimo ottavo posto in Texas.

Chi saranno i principali avversari del "Vale" nazionale a Jerez? Maverick Viñales e Marc Márquez. Il suo compagno di squadra è pronto a riscattarsi dagli Stati Uniti, gara da dimenticare: la caduta l'ha costretto al ritiro, non ha guadagnato punti e ha perso la vetta della classifica. Al catalano della scuderia Repsol Honda, al contrario, il Texas ha dato il massimo: il 3 volte campione del mondo della MotoGP è salito sul gradino più alto del podio per la prima volta nel 2017.




© Riproduzione Riservata

Leggi anche

MotoGP, intervista a Marc Márquez: "Il mio talento? Penso sempre positivo"

A pochi giorni dall'inizio della stagione di MotoGp 2017, il campione catalano si racconta. E rivela quali piloti ingaggerebbe se fosse team manager

MotoGP: la guida al Mondiale 2017

Gare, squadre, piloti, novità tecniche, calendario: tutto quello che c'è da sapere sul campionato della classe regina

Commenti