MotoGp, Laguna Seca: quote e orari

Valentino Rossi potrebbe approfittare del precario stato di forma di Pedrosa e Lorenzo per guadagnare punti importanti in classifica. L'avversario da battere? Ancora lui, Marc Marquez

Rossi in sella alla Ducati nel 2012 a Laguna Seca. Per lui, episodio da dimenticare (Credits: ROBYN BECK/AFP/GettyImages)

Dario Pelizzari

-

Valentino Rossi il dottore come Roger Federer l'ingegnere della racchetta. Il pilota di Tavullia è atteso nel fine settimana alla prova Laguna Seca, tracciato che non gli ha mai regalato grandissime soddisfazioni. L'unica vittoria del Valentino nazionale nel gran premio degli Stati Uniti risale al 2008, l'anno del titolo iridato numero otto. Da allora, due podi, uno in fila all'altro nel 2009 e nel 2010, sempre in Yamaha. Poi le delusioni del biennio Ducati, che non hanno risparmiato la pista californiana. Rossi vuole continuare a credere nel sogno, ma ammette che qualcosa è cambiato. 

"Questi ragazzi vanno forte - ha detto il Doc nella conferenza stampa della vigilia -. Non so se io sia più lento di 5-6 anni fa, ma loro si sono evoluti e io ora faccio fatica". Eccole le parole che scavano un confine tra i trionfi di ieri e le turbolenze degli ultimi tempi. Il domani? "Posso essere protagonista, vincere gare, ma per il Mondiale è tutto difficile, un po' come Federer nel tennis". Rossi come Federer, fuoriclasse con un talento grande così ma con la carta d'identità che tradisce l'inizio dell'inevitabile declino. Capita a tutti, presto o tardi. Anche ai migliori.

La settimana scorsa, sul toboga del Sachsenring, le cose non sono andate benissimo per Valentino. Che è salito sul podio, è vero, ma sul gradino più basso, e come fare a dimenticare che al via della gara mancavano due pezzi da novanta del campionato, come Pedrosa e Lorenzo, fermati da infortuni più o meno ingombranti.  Spiega Rossi: "In Germania abbiamo sbagliato la messa a punto, qui non deve succedere. Chi sono i favoriti? Sono convinto che Marc (ndr, Marquez) andrà forte e Crutchlow è diventato dannatamente veloce e cerca la prima vittoria. Poi occorrerà vedere i due rientranti. Soprattutto Jorge. In Germania guidava come se non fosse successo niente, ma ora potrebbe pensare di andare cauto e fare solo punti". 

Dopo il Sachsenring, il Mondiale ha un nuovo leader. E' lo spagnolo tutto pepe della Honda, Marc Marquez, un giovanissimo che è capace di mettere in riga i veterani. La classifica dice Marquez punti 138, Pedrosa 136, Lorenzo 127, Crutchlow 107 e Rossi 101. Due uomini Honda al comando. Poi il terzetto della Yamaha, con il britannico della Tech3 vivace e per certi versi inatteso protagonista. Le Ducati? Male, grazie. Dovizioso ha un diavolo per capello e Hayden è pronto a lasciare a fine stagione per la Superbike. 

Bwin dà ragione al Dottore. E' Marquez il favorito numero uno della tappa a stelle e strisce. Per il pilota Honda, 2,50 la quota pole e 2,20 la quota vittoria. Vittoria che sarebbe felice di raggiungere anche il suo compagno di squadra Pedrosa, al quale bwin riconosce un 3.50 di tutto rispetto. Alle spalle della coppia Honda, Valentino Rossi, il cui trionfo viene bancato a 4,50. Subito dietro, l'attesissimo Jorge Lorenzo, al rientro dopo l'operazione della settimana scorsa. Per bwin, è difficile che abbia ritrovato in così poco tempo lo smalto dei giorni migliori. Il suo trionfo è quotato a 6,00. Chiude la carovana dei probabilissimi protagonisti della gara l'imprevedibile Cal Crutchlow, che a Laguna Seca non ha mai vinto. La sua "prima" viene quotata da bwin a 8,00. 

Orari diretta tv

Venerdì 19 luglio

19.25: prove libere 1 (Italia 2)

23.05: prove libere 2 (Italia 2)

Sabato 20 luglio

19.25: prove libere 3 (Italia 2)

22.30: prove libere 4-Qualifiche (Italia 1 e Italia 2)

Domenica 21 luglio

19.40: Warm up (Italia 2)

23.00: Gara (Italia 1 e Italia 2)

© Riproduzione Riservata

Commenti