MotoGP

Gp Catalogna: vince Lorenzo, 2° Rossi, 3° Pedrosa. Marquez e Dovizioso caduti

Sul tracciato di Barcellona, la Yamaha domina dall'inizio alla fine. Per il titolo, è lotta tra compagni di squadra

Jorge Lorenzo

Dario Pelizzari

-

Sulla pista del Montmelò, Jorge Lorenzo vince la quarta gara consecutiva: mai in carriera era riuscito a fare così bene. Alle sue spalle, il compagno di squadra Valentino Rossi, che ha saputo capitalizzare al meglio le cadute nei primi giri di Marc Marquez e Andrea Dovizioso difendendo così con le unghie il primo posto nel campionato. Ora il suo vantaggio su Lorenzo in classifica generale è di un punto soltanto. Sale sul gradino più basso del podio Dani Pedrosa, per la prima volta in stagione tra i primi tre piloti sul traguardo. Quarta posizione per Andrea Iannone, quinto per Bradley Smith, sesto per Maverick Viñales, in sella all'unica Suzuki che finisce la gara. L'altra, quella di Aleix Espargaro, che ieri era riuscito a centrare la prima pole della stagione, è volata sulla ghiaia a cinque giri dalla conclusione. 

Barcellona come Le Mans. La Yamaha firma su un tracciato pieno di buche la seconda doppietta dell'anno, dimostrando di averne decisamente di più rispetto alla Honda, che inciampa sull'ennesima gara no della stagione. Era il favorito numero uno della vigilia Lorenzo, il pilota da battere allo spegnimento dei semafori. Pure se nelle Q2 del sabato aveva dovuto abbassare la testa all'impeto meraviglioso delle due Suzuki, capaci di mettere il loro muso davanti a tutti sulla griglia di partenza. La corsa si decide dopo appena cinque giri. Marquez si fa prendere dalla voglia matta di dimostrare di essere uscito dal tunnel e finisce a raccogliere margherite in un tentativo disperato e impossibile di superare Lorenzo. Il campione del mondo sbaglia completamente la staccata e a fine gara ammetterà di aver fatto una sciocchezza grande come una casa. Per lui, è il terzo zero della stagione: per il titolo, citofonare altrove. Tempo qualche minuto ed è costretto alla resa anche Andrea Dovizioso, che stava battagliando con Valentino Rossi per il terzo posto. Per il pilota Ducati, guai con l'elettronica. 

 

Fuori Marquez e fuori Dovizioso, con le Suzuki belle di sabato ma appena carine la domenica (partenza da dimenticare sia per Aleix Espargaro sia per Maverick Viñales), un Dani Pedrosa arrembante ma ancora distante dalla forma dei tempi migliori, e un Andrea Iannone costretto a rincorrere per via di una qualifica (e di un grip) tutt'altro che esaltanti, e il gioco è fatto. Per la gioia e il trionfo di casa Yamaha, che fa il vuoto giro dopo giro e si diverte a seguire la sfida tutta in famiglia tra Lorenzo e Rossi, con quest'ultimo che prova fino alla fine a mettere il pepe sulla coda dello spagnolo, invero più attento ad amministrare che a far registrare temponi da qualifica. Il distacco tra le due Yamaha e la Honda di Pedrosa, terzo sul podio, è da libro Cuore: 19 secondi e 455 centesimi. Come dire, 5-0 e tutti a casa. A ragionare sulle gare che verranno. Lo farà sicuramente Marquez, che incassa probabilmente il capitombolo decisivo per la lotta al titolo. Lo farà senza dubbio anche la Ducati, che sulla pista scivolosa del Montmelò prende atto del primo vero stop in campionato. Vero, Iannone riuscirà a tagliare il traguardo in quarta posizione (e ora in classifica è 3° davanti a Dovizioso, che colpaccio!), ma la distanza con la Yamaha e i tanti problemi incontrati in tutto il weekend testimoniano di una moto che deve ancora completare il percorso di crescita. Discorso simile per la Suzuki, che aveva fatto mirabilia in qualifica e sta lavorando per confermarsi ad alti livelli anche nel passo gara. 

La classifica finale del Gp della Catalogna 2015
1° Lorenzo, 2° Rossi, 3° Pedrosa, 4° Iannone, 5° Smith, 6° Viñales, 7° Redding, 8° Bradl, 9° Petrucci, 10° Bautista, 11° Miller, 12° Laverty, 13° Baz, 14° Di Meglio, 15° De Angelis.

La classifica dopo 7 gare su 18
(prime dieci posizioni)
1° Rossi, 138 punti; 2° Lorenzo, 137; 3° Iannone, 94; 4° Dovizioso, 83; 5° Marquez, 69; 6° Smith, 68; 7° Crutchlow, 47; 8° Viñales, 46; 9° Pol Espargaro, 45; 10° Pedrosa e Petrucci, 39.

Prossima gara: 27 giugno, Gp d'Olanda sul circuito di Assen

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Gp Italia: il tris di Lorenzo fa più grande la crisi di Marquez

L'opposto del 2014: il primo vince a ripetizione, l'altro sbaglia come mai prima. E il Motomondiale ci guadagna

Motomondiale: Dainese D-Air Armor, l'airbag per tutti

Il sofisticato apparato protettivo per i piloti diventa una piattaforma aperta e si prepara a invadere i circuiti del Mondiale e non solo

Gp Catalogna, qualifiche: doppietta Suzuki, Rossi settimo

La pole va ad Aleix Espargaro, che precede il compagno di squadra Viñales. Terzo tempo per Lorenzo, 4° per Marquez. Male Iannone

Commenti