MotoGP

Gp Australia, qualifiche: pole Marquez, Lorenzo 3° e Rossi soltanto 7°

Sulla pista di Phillip Island, il pilota della Yamaha viene beffato da Iannone nella lotta per la seconda casella. Il Dottore distante da lui 3 decimi

Marquez

Dario Pelizzari

-

Marc Marquez è stato il più veloce di tutti nelle qualifiche del Gran premio d'Australia, terzultimo appuntamento del campionato mondiale della MotoGp. Lo spagnolo della Honda ha fermato il cronometro a 1:28.364 e domani partirà dalla prima casella dello schieramento. Alle sue spalle, distante 3 decimi, Andrea Iannone su Ducati, che nel giro finale ha approfittato della scia di Jorge Lorenzo per fare il tempone che gli consentirà di accomodarsi tra i due campioni del mondo in prima fila. Lorenzo (stetto tempo del ducatista al millesimo) non ha gradito l'affronto e non ha mancato di farlo notare al pilota italiano con occhiatacce colme di delusione. Eppure non gli è andata malissimo. Sì, perché il suo avversario diretto nella corsa per il titolo iridato, leggi Valentino Rossi, non è riuscito ad andare oltre il settimo posto, a 6,5 decimi da Marquez. Vero che il Dottore ci ha abituato in gara a rilanci straordinari, ma certo sarebbe stato meglio vederlo un po' più in su, a stretto contatto con il maiorchino. Tra i due piloti, tre colleghi. Nell'ordine: Dani Pedrosa, Cal Crutchlow e un sorprendente Maverick Viñales. Male Andrea Dovizioso sull'altra Ducati. Partirà in quarta fila dalla decima casella.

Griglia di partenza
(prime tre file)

Prima fila: Marquez - Iannone - Lorenzo
Seconda fila: Pedrosa - Crutchlow - Viñales
Terza fila: Rossi - A. Espargaro - P. Espargaro

Guida al Gp d'Australia: orari Sky e Cielo, precedenti, classifica
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Incidente De Angelis: brutte notizie, emorragia celebrale

Il pilota sanmarinese è caduto all'uscita di una curva. La situazione è "stabile ma critica"

De Angelis, buone nuove: migliorate le contusioni ai polmoni

L'ultima Tac ha evidenziato inoltre che l'ematoma intracranico è rimasto stabile. Nelle prossime 48/72 prevista un'altra risonanza

Gp Giappone: Lorenzo la chiama sfortuna, Rossi intelligenza

Botta e risposta tra i due piloti Yamaha al termine della gara. Il maiorchino convinto di essere il migliore, ma il Dottore non ci sta

Commenti