MotoGp, Gp Italia: quote, anticipazioni, precedenti e orari tv
EPA/EDDY LEMAISTRE
MotoGp, Gp Italia: quote, anticipazioni, precedenti e orari tv
Sport

MotoGp, Gp Italia: quote, anticipazioni, precedenti e orari tv

Sulla pista del Mugello Marquez proverà a portare a 6 consecutive il numero di vittorie in altrettante gare del 2014. Rossi è al 300° Gp in carriera

Non c'è 5 senza 6, dicono sottovoce i sostenitori di Marc Marquez, il delfino diventato squalo nell'aprile dello scorso anno sulla pista di Austin. Al Gran premio delle Americhe, seconda prova del mondiale 2013, il 21enne pilota spagnolo centrò la prima vittoria della sua carriera nella classe regina e iniziò a modellare magie, fino alla conquista del titolo iridato. Dodici mesi dopo, le cose non potrebbero andare meglio. Cinque trionfi nelle prime cinque gare e un distacco in classifica dal secondo, il suo compagno di squadra in Honda, Dani Pedrosa, che è già stellare: 42 punti. L'obiettivo per la corsa al Mugello? Vincere, naturalmente. Risultato che in Toscana non centra dal 2011, quando dava spettacolo in Moto2 con la Suter. L'ultima volta, poi, non è andata benissimo. Marquez fuori al 20° giro a fare compagnia ai box al suo idolo di gioventù Valentino Rossi, crollato poco dopo la partenza a causa di un'incornata di Alvaro Bautista.

Il campione del mondo in carica teme la rincorsa del Dottore. Anzi, la sollecita. Perché sarebbe felice di battagliare in gara con un pilota capace di tenergli testa. “Se non sarò io, spero sia lui, perché questa è casa sua”, le parole dello spagnolo che confermano una stima senza confini nei confronti del numero 46. E lui, Rossi, è pronto a fare il possibile e pure di più per riprendersi il gradino più alto del podio nel gran premio che ha dominato per 7 anni consecutivi (dal 2002 al 2008). “Il Mugello è una questione d'onore – ha fatto sapere il pilota Yamaha – E' una pista bellissima e mi piace tantissimo”. Una gara che sa di anniversario. Spiega Valentino: “Questo fine settimana per me sarà il mio GP numero 300 e non ne sono particolarmente felice: perché vuol dire che sono vecchio! Ma sono in gran forma e posso ancora essere molto veloce”. Guai però a pensare che il Gran premio d'Italia possa essere una questione privata tra Marquez e Rossi, lo dicono i numeri.

Jorge (ndr, Lorenzo) ha vinto le ultime tre edizioni con la Yamaha facendo gare fantastiche – ricorda il Dottore - questo sta a significare che la M1 è molto competitiva su questa pista”. Già, Lorenzo. Il campionato 2014 è iniziato per lui tra lacrime e sospiri. In cinque gare, ha messo da parte soltanto un podio, il terzo posto in Argentina, poca, pochissima roba per un pilota abituato a giocarsi fino in fondo la vittoria. Non è felice e si vede. Anzi, si sente. Pare che il campione del mondo 2012 cominci a soffrire la vicinanza con Rossi. Lo avrebbe detto senza riserve nel corso di una riunione con i pezzi grossi della Yamaha: “nel 2015, o me o lui”. Sarà vero?

I PRECEDENTI

Ecco come sono andate le cose al Mugello nelle ultime 4 edizioni.

2013

Podio: 1° Lorenzo (Yamaha), 2° Pedrosa (Honda), 3° Crutchlow (Yamaha). Pole: Pedrosa (Honda). Giro più veloce: Marquez (Honda) in 1'47”639. Gli italiani al traguardo: 5° Dovizioso, 7° Pirro, 12° Petrucci, 13° Iannone. Rossi ritirato poco dopo la partenza.

2012

Podio: 1° Lorenzo (Yamaha), 2° Pedrosa (Honda), 3° Dovizioso (Yamaha). Pole: Pedrosa (Honda). Giro più veloce: Pedrosa (Honda) in 1'47”705. Gli altri italiani al traguardo: 5° Rossi, 15° Pasini.

2011

Podio: 1° Lorenzo (Yamaha), 2° Dovizioso (Honda), 3° Stoner (Honda). Pole: Stoner (Honda). Giro più veloce: Lorenzo (Yamaha) in 1'48”402. Gli altri italiani al traguardo: 5° Simoncelli, 6° Rossi.

2010

Podio: 1° Pedrosa (Honda), 2° Lorenzo (Yamaha), 3° Dovizioso (Honda). Pole: Pedrosa (Honda). Giro più veloce: Pedrosa (Honda) in 1'49”531. Gli altri italiani al traguardo: 5° Melandri, 9° Simoncelli, 10° Capirossi.

LA PISTA

I numeri del circuito del Mugello.

Lunghezza tracciato: 5,245 Km
Curve a sinistra: 6
Curve a destra: 9
Costruito nel 1974
Giri gara: 23

LA CLASSIFICA PILOTI

Le prime dieci posizioni dopo la 5° gara (su 18)

1° Marquez (Honda), 125 punti; 2° Pedrosa (Honda), 83; 3° Rossi (Yamaha), 81; 4° Dovizioso (Ducati), 53; 5° Lorenzo (Yamaha), 45; 6° P. Espargaro (Yamaha), 41; 7° Bradl (Honda), 39; 8° A. Espargaro (Forward Yamaha), 37; 9° Smith (Yamaha), 34: 10° Bautista (Honda), 26.

LE QUOTE bwin

In lavagna bwin è sempre Marc Marquez ad avere la meglio. Lo spagnolo vuole battere tutti i record e non farà sconti a nessuno: su bwin.it vittoria offerta a 1.40 e giro più veloce a 1.37. Valentino Rossi gareggia in casa e vuole vincere; il trionfo in sella alla Yamaha si gioca a 6.00 e la pole position a 8.00. Tallonato da Rossi in classifica piloti, Dani Pedrosa ha mancato il podio solo a Le Mans. Per lui, al Mugello vittoria e qualifiche a 8.00.

L’anno scorso il podio è stato tutto suo ma oggi Jorge Lorenzo non è competitivo e la sua stagione è molto al di sotto della media. Per il maiorchino, il Mugello potrebbe essere una occasione di riscatto e la vittoria in quota e la qualifica valgono 6.00.

Ottavo posto a Le Mans, dopo la partenza in prima fila: Andrea Dovizioso spera di dimenticare la delusione francese con un buon piazzamento al Mugello ma per i quotisti bwin non sarà un’impresa facile: successo del forlivese offerto a 100.00, il giro veloce a 18.00.

Alvaro Bautista scende in pista con il morale alle stelle dopo il primo podio dell’annata ottenuto in Francia. Il pilota del team Gresini Racing si scommette a 60.00 per le qualifiche e a a 35.00 domenica. Pista amata quella del Mugello da Aleix Espargaro: lo spagnolo vuole far bene ma vincere avrebbe dell’incredibile (100.00), più chance in fase di qualifica (12.00).

ORARI TV

Venerdì

Ore 10 e 14: libere (diretta Sky Sport MotoGp)

Sabato

Ore 10: libere 3 (diretta Sky Sport MotoGp)

Ore 13,30: libere 4 (diretta Sky Sport MotoGp e Cielo)

Ore 14,10: qualifiche (diretta Sky Sport MotoGp e Cielo)

Domenica

Ore 9,40: warm up (diretta Sky Sport MotoGp)

Ore 14: gara (diretta Sky Sport MotoGp e Cielo)

Twitter: @dario_pelizzari

Ti potrebbe piacere anche

I più letti