Sport

Milano Cortina 2026: ecco il logo della candidatura italiana alle Olimpiadi 2026

L'Italia si è presentata a Tokyo per la prima volta con il progetto per i Giochi invernali. La sfida di Malagò e un dossier che parte favorito

milano cortina olimpiadi 2026 logo candidatura

Giovanni Capuano

-

L'Italia ha svelato al mondo il logo della candidatura congiunta di Milano e Cortina per le Olimpiadi invernali del 2026. Una montagna tricolore a forma di duomo meneghino con iscritta una pista da sci. L'occasione è stata l'Assemblea generale dei Comitati olimpici a Tokyo, prima uscita pubblica del progetto tricolore di riportare in Italia i Giochi che mancano dal 2006.

Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, si è presentato con il Governatore del veneto, Zaia, e con il sindaco di Milano, Sala: "La nostra è una candidatura innovativa - ha detto - e ci presentiamo grazie ad Agenda 2020. Senza le nuove regole non ci saremmo potuti candidare".

Il riferimento è al cambio di approccio del Cio verso l'assegnazione delle Olimpiadi per ridurre costi e impatti. "La discesa in campo di Milano e Cortina nasce dal territorio - ha proseguito Malagò -, ha il pieno supporto degli atleti e del mondo dello sport e ha come parola chiave 'insieme' perché lega pubblico e privato, tradizione e innovazione".

Parte così ufficialmente la corsa italiana ai cinque cerchi di Olimpia. Un atto che arriva nel momento del massimo scontro tra Coni e Governo sul futuro della governance dello sport azzurro e con sussurri di rapporti non sempre sereni all'interno del comitato organizzatore. Nonstante tutto, le chance di vedersi assegnare i Giochi sono alte: solo Stoccolmba corre contro Milano-Cortina. A gennaio la presentazione dei dossier e dei marterplan, in giugno a Losanna il verdetto.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Anche Calgary dice No alle Olimpiadi. Ecco perché

Sono molte le città che negli ultimi anni hanno detto No ai "Giochi" (non solo Torino). Questioni economiche e di fallimenti

Olimpiadi invernali 2026: i 3 punti non chiari della faccenda

Il ruolo di Torino, cosa faranno Cortina e Milano e chi paga. I nodi di una vicenda in cui la politica non riesce a trovare un accordo

Commenti