Sport

Per il Milan un ritorno al futuro

Seedorf è solo la prima mossa del club, che per riscattarsi punterà su diversi campioni del recente passato (a partire da Paolo Maldini), oltre che su Sogliano e Fenucci

Paolo Maldini e Clarence Seedorf saranno presto di nuovo compagni nel Milan. – Credits: Getty Images.

Restaurazione rossonera: dal 1815 (anno del Congresso di Vienna) sono passati quasi due secoli, eppure - come allora - anche oggi a tornare in auge sono i protagonisti del passato. Deposto il generale Allegri, ad Arcore i vertici societari hanno imbastito un restyling improntato alla Bella Epoque dei trionfi berlusconiani. 

Per questo in casa Milan si è virato con decisione su Clarence Seedorf quale nuovo allenatore. Un campione straordinario, che da calciatore ha segnato un'epopea per i milanisti e che sarà affiancato da altri ex giocatori del Diavolo. Il suo braccio destro sarà Jaap Stam; mentre come collaboratore tecnico sono in lizza due ex centravanti milanisti come Hernan Crespo e Patrick Kluivert.

Seedorf non sarà poi l'unico ritorno eccellente nel club di via Aldo Rossi: anche Paolo Maldini è infatti sempre più vicino al rientro. Da giugno si occuperà dell'area tecnica al fianco del nuovo diesse rossonero Sean Sogliano. Un apprendistato sul campo per la storica bandiera milanista, che vicino all'attuale uomo-mercato dell'Hellas Verona potrà scoprire e imparare i meccanismi regolanti le trattative. Inoltre Maldini fungerà da collante fra la dirigenza e la prima squadra. Una figura - alla Oriali di interista memoria, per intenderci -  particolarmente gradita allo stesso Seedorf, che ne ha caldeggiato l'investitura.

Per quanto riguarda l'aspetto manageriale del club, è inoltre in arrivo dalla Roma Claudio Fenucci: l'ad giallorosso non rinnoverà il proprio contratto con i capitolini e fungerà da direttore generale del Milan. Un ruolo votato particolarmente agli aspetti riguardanti lo sviluppo commerciale del brand e il mantenimento in ordine del bilancio. Una vera e propria ristrutturazione dei quadri dirigenziali, all'interno dei quali è contemplata ancora la figura di Adriano Galliani, che inevitabilmente potrebbe però sentirsi messo all'angolo: ancora da capire, infatti, quali saranno i margini di manovra e i compiti dell'attuale amministratore delegato milanista nel mercato della prossima estate. L'arrivo di Seedorf rappresenta in ogni caso solo la pietra angolare sulla quale sarà edificato il Milan del futuro.

© Riproduzione Riservata

Commenti