Longo come Vucinic: trattativa saltata col Levante

Gli spagnoli hanno inviato il materiale per l'accordo ma in una settimana non è arrivata nessuna risposta dal club nerazzurro

– Credits: ANSA

Nicolò Schira

-

Samuele Longo come Mirko Vucinic: le carriere e le caratteristiche dei due attaccanti sono differenti, eppure entrambi sono accomunati da numerose analogie riguardanti l'attuale sessione di Calciomercato. In primis il comun denominatore dei due centravanti é l'Inter. Il classe '92 sarebbe dovuto rientrare alla società nerazzurra dall'Hellas Verona per essere dirottato in prestito in Spagna al Levante. Il montenegrino invece era pronto a sbarcare alla Pinetina dalla Juventus. Entrambi avevano già dato l'addio agli attuali compagni di squadra, svoltando i rispettivi armadietti in modo da dirigersi ufficialmente verso una nuova avventura. Il caso Vucinic-Guarin potrebbe essere oggetto di studi psicologici e sociologici, ma altrettanto grottesca é la vicenda accaduta all'ex punta dell'Espanyol. Dieci giorni fa l'agente del calciatore, Renzo Contratto, aveva trovato l'accordo il Levante per l'approdo in prestito del suo assistito. Tutto fatto e nessun intoppo contrattuale. Quarantotto ore dopo i valenciani hanno mandato in sede all'Inter i fax dei contratti da firmare per sancire l'intesa e chiudere l'operazione. Per un'intera settimana da Corso Vittorio Emanuele non é giunta alcuna risposta. Un atteggiamento di sufficienza, quello della dirigenza interista, che ha mandato su tutte le furie il presidente iberico Quico Catalan. Il Levante ambisce all'Europa League e si è sentito trattare alla stregua di una società dilettantistica: per questo motivo gli spagnoli hanno deciso di far saltare definitivamente l'operazione. Inutili e vani i tentativi di queste ore di ricomporre la situazione. A rimetterci a causa delle negligenze dirigenziali interiste il giovane Longo, che ora resta in attesa di un'altra sistemazione per non vivere una stagione intera da spettatore non pagante come sta accadendo alla corte di Mandorlini.

© Riproduzione Riservata

Commenti