Londra 2012: la festa dell'indifferenza
Londra 2012: la festa dell'indifferenza
Sport

Londra 2012: la festa dell'indifferenza

C'è poco calore in città. Ma in fondo gli inglesi sono questi. Prendere o lasciare

strip-007-olimpiadi_emb4.jpg

Questa storia potrebbe essere raccontata in due modi completamente diversi.

Si potrebbe parlare di una città in festa, estatica di fronte alla coreografia di una cerimonia olimpica definita senza pari, a gioire davanti all'orologio di Trafalgar Square che segna ormai lo 0.00.00.

Waterloo-place_emb4.jpg

Oppure si potrebbe parlare di una città indifferente, con appena un centinaio di persone a Piccadilly Circus dove solo uno schermo era dedicato all'apertura e l'unica manifestazione di entusiamo dimostrata sono stati i fischi, molto antisportivi, al passaggio della delegazione americana.

Dei bar che non accolgono la gente e se non ordini entro due minuti ti chiedono di uscire, seppure mezzi vuoti, del poco traffico, della totale assenza del gioioso clamore dei clacson e del vuoto silenzioso e triste di Waterloo Place. Il discorso stesso di Sebastian Coe è stato privo dell’enfasi e soprattutto della passione che ci si attendeva, forse, in fondo, è nell’animo di questo popolo essere poco appassionato e ruvido, come un maglione di shetland.

signora-in-festa_emb4.jpg

In ogni caso benvenuti a Londra e comunque vada the show must go on.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti