Sport

Le grandi rimonte di Valentino Rossi in MotoGp

Dall'impresa al Gp della Malesia nel 2002 alla vittoria in Argentina nel 2015. A Valencia, il Dottore proverà a prendere Jorge Lorenzo

valentino-rossi

Dario Pelizzari

-

Se il Tribunale arbitrale dello sport (TAS) di Losanna non si pronuncerà a suo favore, Valentino Rossi dovrà prendere il via del Gran premio della Comunità Valenciana (clicca qui per leggere la guida del gp) dall'ultima fila. In fondo al gruppo. Per aver pestato i piedi a Marc Marquez nel valzer da capogiro di Sepang. L'obiettivo del pilota pesarese a Valencia sarà uno e uno soltanto: marcare stretto Jorge Lorenzo per non consentire al compagno di scuderia in Yamaha di prendere il largo e soffiargli i punti necessari per fare suo il mondiale (clicca qui per leggere tutte le combinazioni possibili). Impresa possibile? I precedenti dicono di sì. Quando vuole, Rossi è capace di rimonte al limite del possibile. Ecco quelle più clamorose nella MotoGp

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Rossi vs. Marquez e Lorenzo: l'ironia del Web contro il "Patto d'Andorra"

Continua la polemica dopo il clamoroso epilogo di Sepang: i tifosi di Valentino non ci stanno e si scatenano tra social e fotomontaggi

"Rossi a Valencia con la convinzione che tutto dipenda da lui"

Per lo psicologo dello sport, Salvo Russo, il Dottore deve dimenticare in fretta quanto è successo a Sepang per ritrovare la concentrazione

MotoGp, i duelli che hanno deciso il mondiale negli ultimi 15 anni

L'ultimo, quello del 2013, tra Marquez e Lorenzo. Il primo, nel 2004, tra Rossi e Gibernau. Il Dottore pensi a come andò nel 2006

Commenti