Lazio stregata per la Juve.Pari e polemiche

Peluso e Mauri gli autori dei gol dell'1-1. Buffon firma il rinnovo fino al 2015: 4 milioni netti

Giovanni Capuano

-
 

Alla Lazio metà pass per la finale di Coppa Italia. Alla Juventus il rammarico per una partita a tratti dominata, soprattutto nella ripresa, quando i bianconeri hanno trovato spazi e ritmo e la squadra di Petkovic si è disunita. La semifinale d'andata allo Juventus Stadium è finita 1-1. Hanno deciso i gol di Peluso (67'), che fino a lì era stato tra i più deludenti, e Mauri (85') con la complicità di Storari e della difesa bianconera.

Gara molto combattuta ed equilibrata, con grandi duelli a centrocampo e qualità non eccelsa. Del resto l'elenco degli assenti era lungo e penalizzava soprattutto Conte che si è dovuto inventare una squadra con una sola punta (Matri) e una schiera di incursori. Meno devastante ma comunque positivo Pogba che si è presentato senza cresta. Tagliata. Forse per volontà di Conte e, comunque, in pieno stile-Juventus.

Dopo il vantaggio di Peluso sono fioccate le occasioni e Marchetti si è superato in almeno un paio di occasioni. Straordinario su Matri e fortunato quando una conclusione a colpo sicuro di Vidal (70') è finita contro il palo. Poi il pareggio improvviso di Mauri che capovolge in termini numerici gli equilibri verso la finale. Tra una settimana il ritorno all'Olimpico.

Finale al veleno. La Lazio recrimina per una spinta di Peluso a Lulic nel momento della rete del vantaggio juventino e Conte protesta per un fallo subito da Vucinic in area: "C'era un rigore per noi. La Lazio è stata anche fortunata".

BUFFON E LLORENTE - Sono giornate frenetiche anche sul fronte del mercato. La Juventus ha chiuso la trattativa per il rinnovo di Buffon che ha firmato un contratto fino al 2015 (quando avrà 40 anni) con uno stipendio ancora da top player: 4 milioni di euro netti a stagione. A ore invece l'annuncio della firma di Llorente che sarà bianconero a partire dal 1° luglio prossimo.

© Riproduzione Riservata

Commenti