Nba, al via i playoff: gli accoppiamenti

Alessandro Mamoli (Sky) ci racconta quali potrebbero essere le sorprese nei playoff e le finali di Conference

LeBron James e Evan Turner durante un match dello scorso marzo (Credits: by Marc Serota/Getty Images)

Riccardo Vetere

-

Ora viene il bello. Terminata la regular season non senza sorprese si entra nella fase calda dei playoff. E quest’anno non sarà affatto facile prevedere chi potrebbe arrivare fino in fondo, sia a Est che a Ovest.

West Conference - Tra le sorprese proprio i Lakers di D’Antoni che con un colpo di coda finale hanno centrato il 7° posto nella Western Conference dopo una stagione sin qui deludente e ricca di ostacoli; l’ultimo la rottura del tendine d'Achille che terrà Kobe lontano dai giochi. Gasol e compagni evitano così Oklahoma sul filo di lana e proveranno a superare gli Spurs.

“Questa è la parte del tabellone dove può succedere di tutto, e la vera risposta che dobbiamo aspettare è che Spurs troveremo: Parker non è al 100% ma hanno comunque una buona squadra” – è la valutazione di Alessandro Mamoli (Sky), che assieme a Flavio Tranquillo e Federico Buffa commenterà proprio i playoff Nba -. Per quanto riguarda i Lakers bisogna vedere se tornerà Steve Nash e in quel caso allora avranno un gioco più simile a quello voluto da D’Antoni. È vero non ci sarà Bryant. Però, ripeto, non so se rientra Nash ma in quel caso vedremmo una pallacanestro più d’antoniana” – sostiene Mamoli.

Restando sempre a Ovest è scontato dire che sia Oklahoma la favorita? “Oklahoma ha qualcosa in più rispetto a tutti gli altri però quest’anno sono più dipendenti in attacco: se Durant ha una partita storta poi chi raddrizza il match? Guardando ai Denver Nuggets, bisogna dire che senza Gallinari sono meno forti. Ma a Ovest sono curioso di vedere anche i Clippers, che potrebbero essere la vera sorpresa anche se durante la regular season hanno mostrato alcuni limiti” – sono le considerazioni di Mamoli.

Tabellone playoff Western Conference, primo turno

Oklahoma City Thunder (1) – Huston Rockets (8)

L.A. Clippers (4) – Memphis Grizzlies (5)

San Antonio Spurs (2) – L.A. Lakers (7)

Denver Nuggets (3) – Golden State Warriors (6)

Est Conference - Passando poi a Est, pare quasi scontato additare Miami come la favorita, così come Oklahoma lo è a Ovest. Ma attenzione alle sorprese: “L’unica che ha il talento per provare a fare uno scherzo a Miami è New York che affronterà i Boston Celtics che però sono senza Rajon Rondo (rottura legamento crociato del ginocchio, ndr); ma Boston resta sempre Boston e quando li affronti al TD Garden è sempre difficilissimo. New York per me resta favorita in questo accoppiamento ma è una serie che già al primo turno potrà dirci molto”, l’analisi di Mamoli. Detto dell’assenza di Gallinari, ci sarà invece Belinelli con i Chicago Bulls: “Se la giocano contro i Brooklyn Nets e non mi stupirei se arrivassero fino a gara 7. Per quanto riguarda i Bulls la situazione è un po’ strana: Rose ha avuto già il permesso di giocare ma ancora non è rientrato. Magari c’è qualcosa di più anche a livello psicologico… Bisogna capire cosa succede”.

A questo punto facciamo un pronostico su quali potrebbero essere le finali delle due Conference. Mamoli disegna così le disegna così: “A Est dico Miami-New York Knicks, mentre a Ovest vedo in finale Oklahoma contro Denver; e questo è un pronostico anche romantico” – conclude -.

Tabellone playoff Est Conference, primo turno

Miami Heat (1) – Milwaukee Bucks (8)

Brooklyn Nets (4) – Chicago Bulls (5)  

New York Knicks (2) – Boston Celtics (7)

Indiana Pacers (3) – Atlanta Hawks (6)

© Riproduzione Riservata

Commenti