Kyenge e May d'accordo: "Sacchi ha sbagliato"
ANSA/ FABIO CAMPANA
Kyenge e May d'accordo: "Sacchi ha sbagliato"
Sport

Kyenge e May d'accordo: "Sacchi ha sbagliato"

Per l'europarlamentare del Pd, l'ex ct della Nazionale non ha attenuanti. Dello stesso segno la reazione dell'ex atleta

"Le parole di Arrigo Sacchi? Non credo sia una gaffe". La pensa così l'europarlamentare del Pd, Cécile Kyenge, che nel 2013, nel corso del suo mandato come ministro per l'Integrazione nel Governo Letta, aveva ricevuto pesanti insulti da parte del leghista Roberto Calderoli (leggi qui i dettagli della vicenda). "Sono parole (guarda video) che pesano soprattutto se a pronunciarle è l'ex ct della nazionale - ha detto all'Ansa la Kyenge - Sacchi ha sbagliato. Dopo Tavecchio che, se non altro, ha avuto l'immediata consapevolezza della gravità delle proprie parole, siamo nuovamente costretti a sentire frasi come 'Non sono razzista, ma'. Ebbene, i giocatori neri minerebbero l'identità italiana. La domanda allora viene spontanea: cosa si intende oggi per identità italiana? Ecco, io la risposta la conosco. Ma troppi ancora non la conoscono".

Dello stesso segno la reazione di Fiona May, presidente della commissione della Federcalcio per l'integrazione e la lotta al razzismo creata dal presidente Carlo Tavecchio ad agosto, dopo le ormai celebri frasi sui giocatori mangiabanane. "Sono rimasta scioccata - ha dichiarato l'ex atleta che ha conquistato due medaglie d'argento alle Olimpiadi - è una cosa che non bisogna dire, a maggior ragione se si è personaggi pubblici come lui. Me lo sarei aspettato da altri, ma non da lui". Intervistata da Radio Capital, la May ha spiegato che "il razzismo è molto più radicato nel calcio rispetto agli altri sport. Si vede di più, ma lo sapevo bene: sono tifosa della Fiorentina in Italia e del Chelsea in Inghilterra. Lì ho già visto come sono cambiate le cose negli ultimi trent'anni, come è stato risolto il problema degli hooligans. Dal mondo del calcio, comunque, non mi sciocca: parliamoci chiaro, di razzisti ce ne sono tanti. E non soltanto in Italia".

Approfondimenti: clicca qui per leggere le reazioni alle parole di Sacchi del presidente della Fifa, Sepp Blatter, e del deputato di Forza Italia, Daniele Capezzone.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti