La partita dei Bomber: Juventus-Udinese 2-0
La partita dei Bomber: Juventus-Udinese 2-0
Sport

La partita dei Bomber: Juventus-Udinese 2-0

I veri lampi di genio nella notte di noia del Juventus Stadium. E la vera verità sull'assenza di Scuffet...

Le assenze nella Juve contro l’Udinese erano numerose quanto quelle di Buffon durante le lezioni di catechismo, con Pereyra che ha preso il posto di Vidal in campo dopo averlo già sostituito degnamente dal barbiere: pettinatura rivedibile. Nell’altra porta, grande assente tra i friulani il baby fenomeno Scuffet, rimasto a casa per finire i compiti estivi di geometria in vista del ritorno a scuola di lunedì. 
Il primo gol subìto dall’Udinese è ispirato alle peggiori tragedie greche: Panagiotis Kone (che bell’uomo!) si dimentica di seguire il bell’Efialte-Tevez, che di piattone fa 1-0. Osservato più volte il replay, abbiamo la certezza assoluta che “Pana” stava pensando ai cazzi suoi… Ma è la fascia destra dell’Udinese che ci ha colpito di più: quella dove Evra è passato ripetutamente come se fosse in SR senza casco tra i (poco) vigili Widmer ed Herteaux che provavano a inseguirlo in Graziella. 
Mossa vincente anche quella di Buffon che, annoiato dopo 37 minuti di inoperosità, è uscito per andare a mangiare un salamella-peperoni-ketchup dal paninaro di via Druento alsciando una sedia in mezzo alla porta con un post-it: “Torno subito. Leo non fare autogol, cazzo!”.
Gesti tecnici? Fantastico quello di Llorente all’ultimo minuto del primo tempo: un quarto d’ora per stoppare un pallone in area. E dopo l’intervallo partita a tratti elettrizzante come la corazzata Potemkin e massima sorpresa per l’ingresso di Pinzi al 27°: ma gioca ancora a calcio?
Al 37° uno spiraglio di luce nella noia con il goal di Marchisio: palla appoggiata di giustezza a 87.585 km/h . E l’entusiasmo, come il tiro del nostro, dura davvero un attimo: dopo un’attenta analisi, a confronto il Trofeo Tim è la Coppa Libertadores. Noi abbiamo avuto bisogno di 6 siga, 8 Becks e 2 caffè per superare la serata: Juve troppo forte, Udinese presente come Bobo Vieri a un gay pride. 
Osservazione a margine: deve essere davvero dura essere un tifoso dell’Udinese: tutti gli anni sembra di vedere la squadra default della Master League ni Pes: Castolo, Stremer, Kone, Allan, Ordaz... Tavecchio starà già caricando il fucile da caccia di nonno Egidio!

Ti potrebbe piacere anche

I più letti