Juve: senza più Champions, 3 attaccanti di troppo

Con l'eliminazione Conte ridurrà ancora il turnover offensivo: almeno uno tra Quagliarella, Vucinic e Giovinco destinato a partire a gennaio

Indispensabile la scorsa stagione, Mirko Vucinic ha dovuto lasciare il posto alla coppia Tevez-Llorente e potrebbe lasciare la Juve già a gennaio. In bilico anche Quagliarella e Giovinco. – Credits: Getty Images.

Nicolò Schira

-

L'eliminazione dalla Champions League, oltre a ridimensionare la forza economica della Juventus sul mercato, potrebbe rendere la rosa bianconera troppo affollata, con il turnover che sarà centellinato da Conte e con conseguenti minori chances di giocare per le cosiddette seconde linee. Per di più nel reparto offensivo Antonio Conte ha delineato ormai da diverse settimane le gerarchie, puntando sul tandem Tevez-Llorente quali stelle polari dell'attacco juventino: per questo Fabrizio Quagliarella, Sebastian Giovinco e Mirko Vucinic si stanno guardando intorno. 

A Quagliarella (in scadenza di contratto nel 2015) sono giunte diverse proposte dall'estero: in particolare, Cina (Guangzhou) e Stati Uniti ricoprirebbero d'oro l'attaccante campano, che non è però convintissimo di lasciare il nostro Paese. L'ipotesi Lazio potrebbe allora tornare d'attualità dopo il corteggiamento estivo e potrebbe accattivare l'ex Napoli. 

Differente la situazione riguardante Mirko Vucinic: il montenegrino ha vissuto una parabola discendente, passando dallo status di indispensabile nell'undici della Vecchia Signora bi-Campione d'Italia al rango di semplice comprimario. Una situazione sgradita all'ex romanista, che in Inghilterra (Tottenham) e Germania (Wolfsburg) ha estimatori. La Juve, però, per meno di 10 milioni di euro cash non intende sedersi neppure al tavolo delle trattative per trattare una sua eventuale cessione. 

Dulcis in fundo, la "Formica Atomica" Giovinco: il fantasista ha avuto pochissimo spazio e ha mercato sia in Italia che all'estero. I suoi agenti stanno procedendo con i rituali giri d'orizzonte fra le società interessate, ma i bianconeri se ne priverebbero come pedina di scambio per arrivare ad altri obiettivi. Ghirardi lo rivorrebbe a Parma nell'operazione Biabiany e anche come eventuale "dopo Cassano", nel caso in cui già a gennaio il barese dovesse tornare alla Sampdoria. Dalla Premier League e dalla Russia alcune società hanno effettuato sondaggi, ma l'intenzione del classe '87 è di restare alla Juve almeno sino al termine della stagione. 

In ogni caso, uno dei tre attaccanti andrà via da Torino già nella finestra invernale del calciomercato. In questo modo le casse di Corso Galileo Ferraris introiterebbero quel tesoretto necessario per rinnovare i contratti dei big (Pogba e Pirlo) e continuare l'opera di rinforzamento (Nainggolan), nonostante l'uscita anticipata dalla Champions. 

© Riproduzione Riservata

Commenti