Il piano Juve: Conte e un altro big

Pressing sul tecnico per un rinnovo fino al 2017 con stipendio da top europeo. Poi l'assalto a un altro attaccante per competere in Champions e respingere il Monaco...

Antonio Conte – Credits: Afp

Nicolò Schira

-

La Juventus è al lavoro per blindare sino al 2017 il proprio condottiero Antonio Conte. I vertici di Corso Galileo Ferraris non vogliono perdere il timoniere di una squadra lanciatissima verso il suo terzo Scudetto consecutivo. Per questo sono pronti ad estendere il contratto dell'allenatore salentino dal 2015 al 2017, corrispondendo 5 milioni di euro netti a stagione per il proprio tecnico. Inoltre Marotta e Paratici sono pronti ad entrare in azione per assecondare in toto i desideri di mercato del trainer bianconero.

L'operazione Osvaldo ha il marchio di Conte, che ha fortemente voluto l'italo-argentino per variare le soluzioni offensivi a propria disposizione con untotem vecchia maniera. Per l'estate l'obiettivo è di rivoluzionare il reparto d'attacco: Vucinic, Quagliarella e Giovinco hanno le valigie in mano per differenti motivi. I primi due erano in uscita già a fine gennaio; mentre la "Formica Atomica" potrebbe essere utilizzata quale preziosa contropartita tecnica per abbassare le valutazioni economiche dei giocatori concupiti.
 Confermatissimi Llorente e Tevez; l'ex romanista Osvaldo verrà valutato in questo semestre e uno fra Gabbiadini e Berardi rientrerà all'ovile per essere protagonista.

In questo possibile poker d'assi ci sarà spazio anche per un altro fromboliere internazionale: a Conte piace moltissimo Mario Mandzukic del Bayern Monaco. Il croato può lasciare la Baviera a giugno, ma è appetito anche dal Real Madrid. La mossa successiva sarà quella di accaparrarsi un laterale sinistro, in grado di giostrare sia da terzino che da esterno a tutto campo. Conte coltiva ancora l'idea di passare al 4-3-3 in campo internazionale e per questo vorrebbe alle proprie dipendenze anche uno fra Cuadrado (Fiorentina) e Cerci (Torino). Operazioni costose ma che rinverdirebbero ambizioni di gloria anche in campo europeo della Vecchia Signora. Solo così Conte è pronto a prolungare, senza dubbi, la propria esperienza a Vinovo.

All'orizzonte c'è anche il Monaco che da mesi lo corteggia incessantemente. Il patron monegasco Dmitry Ryboblev è pronto ad investire nel prossimo mercato estivo oltre cento milioni di euro. Una cifra in grado di rendere la squadra del Principato immediatamente competitiva per la Champions League. Conte insieme al fratello Daniele, che ne cura gli interessi professionali, da oltre un anno ha aperto anche a Montecarlo il locale "One Apple" sulla falsa riga di quello che negli ultimi anni ha spopolato all'ombra della Mole. Gli interessi  imprenditoriali extracalcistici potrebbero intrecciarsi dunque con il proprio futuro professionale: la priorità di Conte resta la Juve, ma le sirene monegasche stanno diventando sempre più insistenti. In Primavera - possibilmente con lo scudetto già in cassaforte - Conte farà il punto della situazione con Andrea Agnelli e gli uomini mercato juventini in merito ai propri intendimenti.

© Riproduzione Riservata

Commenti