Io, Marco, sfiderò la Maratona di New York
Io, Marco, sfiderò la Maratona di New York
Sport

Io, Marco, sfiderò la Maratona di New York

Questo il diario di Marco Mori, runners per passione, contro i 42 km nella Grande Mela. (- 47 al via )

Meno 47: sono i giorni che mancano alla 43^ New York City Marathon , la maratona più amata dai runner di tutto il mondo in programma domenica 4 novembre 2012. Ogni anno le richieste d'iscrizione superano quota 100mila, i partenti sono circa 47mila e tra questi oltre 4mila arrivano dall'Italia, più di uno su 10 dei 35.922 italiani che nel 2011 hanno portato a termine almeno una volta i 42.195 km della più classica delle corse a piedi (record di sempre, secondo i dati dell'annuale Maxiclassifica del mensile Correre ). Dopo gli americani, a New York gli italiani sono il gruppo più numeroso, e tra i nostri connazionali ci sarà anche Marco Mori, 40enne tecnico informatico di Palaia (Pisa) che seguiremo settimana dopo settimana nel suo percorso di avvicinamento alla Grande Mela.

Questo il suo racconto:

"Anche quest'anno e per la quinta volta sarò a Fort Wadsworth in attesa dello sparo che dà il via al grande sogno: correre la Maratona di New York, quella con l'iniziale maiuscola, l'esperienza sportiva più affascinante ed emozionante che esista al mondo. No, non punto a vincerla, a quello pensano solo una decina di atleti che vedrò da lontano solo allo start. Il mio obiettivo è quello di giungere all'arrivo con ancora un po' di lucidità e forza per poter gioire della mia impresa.

Corro da 7 anni, da quando ho abbandonato le 2 ruote con l'unico scopo di fare quella che i miei amici, mia moglie e i miei genitori continuano a ritenere una pazzia. Come mi è venuto in mente di buttarmi in questa sfida? Per caso: era estate, ero in vacanza in Malesia e ho conosciuto un ragazzo che per sfidare se stesso aveva deciso di iscriversi alla maratona di New York. Il suo racconto è stato così emozionante che ho deciso al volo di calzare le scarpette da running e provare a conquistare la medaglia che spetta solo a chi arriva a Central Park.

Il dado era tratto e il tarlo mi rodeva in testa, ma ho dovuto attendere novembre per aver la certezza di aver conquistato un pettorale. Da quel momento si trattava solo di correre, più forte e più a lungo possibile. L'inizio è stato traumatico: alla prima uscita ho fatto 2 km e son tornato a casa con le vesciche ai piedi e dolori dappertutto, ma sono davvero testardo e alla fine, facendo lo slalom tra lavoro e impegni famigliari e senza rubare tempo a nessuno, ho coronato il mio sogno.

La prima volta che sono arrivato al traguardo sventolavo un bellissimo tricolore e dalla gioia piangevo come un bambino. Un'emozione così forte che ora non posso più farne a meno. Non ho né tempo né modo di correre altre maratone, nemmeno in Italia, io faccio solo New York, e durante l'anno sottopongo il mio fisico a stress continui con il solo obiettivo di essere pronto al punto giusto al momento giusto. 42,195 km non sono uno scherzo e la maratona è sofferenza, io corro per la pura passione di farlo, senza velleità di tempi da rispettare e solo per il gusto di mettere al collo quella medaglia che spetta ai finisher e da sola mi ripaga di tutti i sacrifici.

Tabelle, alimentazione, km da percorrere in allenamento, abbigliamento: sono tutti aspetti importanti e che in questo periodo affollano i miei pensieri. Ma la cosa più importante è la passione e la voglia di essere parte di quella marea di teste saltellanti che si raduna a Staten Island quando il sole inizia a fare capolino e arriva a Manhattan dopo aver attraversato il calore umano di migliaia di newyorkesi assiepati lungo il percorso.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti